Australia. Sentenza assolve Provider per download illegali

Pubblicato il 5 Febbraio 2010 14:28 | Ultimo aggiornamento: 5 Febbraio 2010 14:28

Il provider iiNet non è responsabile delle azioni dei propri utenti. Hollywood incassa e porta a casa la sentenza della corte federale di Sidney chiamata a decidere dagli studios sulla violazione del copyright.

La decisione del tribunale australiano potrebbe così avere profonde ripercussioni nello scontro tra industria dell’intrattenimento da un lato e fornitori di connettività e servizi web dall’altro.

La causa era stata intentata dai colossi della cinematografia americana – da Walt Disney a Paramount, da Universal Pictures a Warner Brothers, da Sony a 20th Century Fox – contro il terzo maggiore provider australiano, iiNet: l’accusa era che non facesse nulla per impedire ai suoi utenti di scaricare illegalmente film attraverso il software BitTorrent.

L’Isp si era difeso sostenendo che non era tenuto ad agire in base a presunte violazioni del copyright; che i suoi clienti, finché non venivano condannati da un tribunale, erano innocenti; e che sarebbe stato come fare causa a una compagnia elettrica per quello che fanno i suoi utenti con l’elettricità. Il giudice Dennis Cowdroy sembra aver accolto queste osservazioni: «iiNet – ha dichiarato – non ha fatto nulla di più che offrire un servizio internet ai suoi clienti». Né altro doveva fare.

La sentenza piace e non solo in Australia. Non poteva essere altrimenti. Plaudono ad esempio gli Isp britannici – riferisce il Guardian – e in particolare TalkTalk, attualmente in lotta contro il proprio governo che vorrebbe trasformarli in sceriffi del web al servizio dell’industria cinematografica.

«I provider non sono responsabili
per i download illegali degli utenti»

I giudici australiani bocciano la causa intentata
dai colossi di Hollywood e danno ragione a iiNet

COPYRIGHT

«I provider non sono responsabili
per i download illegali degli utenti»

I giudici australiani bocciano la causa intentata
dai colossi di Hollywood e danno ragione a iiNet

Il portale iiNet
Il portale iiNet

MILANO – Sconfitta storica per Hollywood sul fronte della protezione del diritto d’autore. L’Isp australiano iiNet, portato in tribunale dagli studios per violazione del copyright, non può infatti essere considerato responsabile di quanto compiuto dai suoi utenti. Lo ha stabilito la corte federale di Sidney con una sentenza che potrebbe avere profonde ripercussioni nello scontro tra industria dell’intrattenimento da un lato e fornitori di connettività e servizi web dall’altro.

LE MOTIVAZIONI – La causa era stata intentata dai colossi della cinematografia americana – da Walt Disney a Paramount, da Universal Pictures a Warner Brothers, da Sony a 20th Century Fox – contro il terzo maggiore provider australiano, iiNet: l’accusa era che non facesse nulla per impedire ai suoi utenti di scaricare illegalmente film attraverso il software BitTorrent. L’Isp si era difeso sostenendo che non era tenuto ad agire in base a presunte violazioni del copyright; che i suoi clienti, finché non venivano condannati da un tribunale, erano innocenti; e che sarebbe stato come fare causa a una compagnia elettrica per quello che fanno i suoi utenti con l’elettricità. Il giudice Dennis Cowdroy sembra aver accolto queste osservazioni: «iiNet – ha dichiarato – non ha fatto nulla di più che offrire un servizio internet ai suoi clienti». Né altro doveva fare.

CONSEGUENZE – Le reazioni non sono mancate, e non solo in Australia. Plaudono ad esempio gli Isp britannici – riferisce il Guardian – e in particolare TalkTalk, attualmente in lotta contro il proprio governo che vorrebbe trasformarli in sceriffi del web al servizio dell’industria cinematografica. «È indubbiamente una vittoria dei provider, e una grande delusione per i possessori di contenuti protetti dal copyright», ha commentato su Business Week un avvocato della Allens Arthur Robinson, studio legale specializzato in proprietà intellettuale. Mentre Cory Doctorow, noto scrittore e coautore del blog Boing Boing, nonché critico delle leggi sul copyright, esulta: «Il combattivo provider ha battuto quei ricconi di Hollywood».«I provider non sono responsabili per i download illegali degli utenti» I giudici australiani bocciano la causa intentata dai colossi di Hollywood e danno ragione a iiNet COPYRIGHT «I provider non sono responsabili per i download illegali degli utenti» I giudici australiani bocciano la causa intentata dai colossi di Hollywood e danno ragione a iiNet Il portale iiNet Il portale iiNet MILANO – Sconfitta storica per Hollywood sul fronte della protezione del diritto d’autore. L’Isp australiano iiNet, portato in tribunale dagli studios per violazione del copyright, non può infatti essere considerato responsabile di quanto compiuto dai suoi utenti. Lo ha stabilito la corte federale di Sidney con una sentenza che potrebbe avere profonde ripercussioni nello scontro tra industria dell’intrattenimento da un lato e fornitori di connettività e servizi web dall’altro. LE MOTIVAZIONI – La causa era stata intentata dai colossi della cinematografia americana – da Walt Disney a Paramount, da Universal Pictures a Warner Brothers, da Sony a 20th Century Fox – contro il terzo maggiore provider australiano, iiNet: l’accusa era che non facesse nulla per impedire ai suoi utenti di scaricare illegalmente film attraverso il software BitTorrent. L’Isp si era difeso sostenendo che non era tenuto ad agire in base a presunte violazioni del copyright; che i suoi clienti, finché non venivano condannati da un tribunale, erano innocenti; e che sarebbe stato come fare causa a una compagnia elettrica per quello che fanno i suoi utenti con l’elettricità. Il giudice Dennis Cowdroy sembra aver accolto queste osservazioni: «iiNet – ha dichiarato – non ha fatto nulla di più che offrire un servizio internet ai suoi clienti». Né altro doveva fare. CONSEGUENZE – Le reazioni non sono mancate, e non solo in Australia. Plaudono ad esempio gli Isp britannici – riferisce il Guardian – e in particolare TalkTalk, attualmente in lotta contro il proprio governo che vorrebbe trasformarli in sceriffi del web al servizio dell’industria cinematografica. «È indubbiamente una vittoria dei provider, e una grande delusione per i possessori di contenuti protetti dal copyright», ha commentato su Business Week un avvocato della Allens Arthur Robinson, studio legale specializzato in proprietà intellettuale. Mentre Cory Doctorow, noto scrittore e coautore del blog Boing Boing, nonché critico delle leggi sul copyright, esulta: «Il combattivo provider ha battuto quei ricconi di Hollywood».«I provider non sono responsabili per i download illegali degli utenti» I giudici australiani bocciano la causa intentata dai colossi di Hollywood e danno ragione a iiNet COPYRIGHT «I provider non sono responsabili per i download illegali degli utenti» I giudici australiani bocciano la causa intentata dai colossi di Hollywood e danno ragione a iiNet Il portale iiNet Il portale iiNet MILANO – Sconfitta storica per Hollywood sul fronte della protezione del diritto d’autore. L’Isp australiano iiNet, portato in tribunale dagli studios per violazione del copyright, non può infatti essere considerato responsabile di quanto compiuto dai suoi utenti. Lo ha stabilito la corte federale di Sidney con una sentenza che potrebbe avere profonde ripercussioni nello scontro tra industria dell’intrattenimento da un lato e fornitori di connettività e servizi web dall’altro. LE MOTIVAZIONI – La causa era stata intentata dai colossi della cinematografia americana – da Walt Disney a Paramount, da Universal Pictures a Warner Brothers, da Sony a 20th Century Fox – contro il terzo maggiore provider australiano, iiNet: l’accusa era che non facesse nulla per impedire ai suoi utenti di scaricare illegalmente film attraverso il software BitTorrent. L’Isp si era difeso sostenendo che non era tenuto ad agire in base a presunte violazioni del copyright; che i suoi clienti, finché non venivano condannati da un tribunale, erano innocenti; e che sarebbe stato come fare causa a una compagnia elettrica per quello che fanno i suoi utenti con l’elettricità. Il giudice Dennis Cowdroy sembra aver accolto queste osservazioni: «iiNet – ha dichiarato – non ha fatto nulla di più che offrire un servizio internet ai suoi clienti». Né altro doveva fare. CONSEGUENZE – Le reazioni non sono mancate, e non solo in Australia. Plaudono ad esempio gli Isp britannici – riferisce il Guardian – e in particolare TalkTalk, attualmente in lotta contro il proprio governo che vorrebbe trasformarli in sceriffi del web al servizio dell’industria cinematografica. «È indubbiamente una vittoria dei provider, e una grande delusione per i possessori di contenuti protetti dal copyright», ha commentato su Business Week un avvocato della Allens Arthur Robinson, studio legale specializzato in proprietà intellettuale. Mentre Cory Doctorow, noto scrittore e coautore del blog Boing Boing, nonché critico delle leggi sul copyright, esulta: «Il combattivo provider ha battuto quei ricconi di Hollywood».