Ocse, aumentano problemi salute mentale al lavoro

Pubblicato il 22 Dicembre 2011 19:00 | Ultimo aggiornamento: 22 Dicembre 2011 19:04

PARIGI – I problemi di salute mentale sul posto di lavoro sono in aumento e colpiscono il 20% dei dipendenti nei 34 Paesi dell'Ocse, tra cui c'e' anche l'Italia. E' quanto emerge da uno studio realizzato dallo stesso organismo internazionale con sede a Parigi.

Secondo il rapporto, intitolato 'Malessere al lavoro? Miti e realta' sulla salute mentale e l'occupazione', un lavoratore su cinque soffre di disagi psichici, come ansia o depressione, e molti hanno difficolta' ad uscire da questa situazione.

L'Ocse afferma anche che la proporzione di lavoratori esposti allo stress o a tensioni sul posto di lavoro e' aumentata nell'insieme dei Paesi membri negli ultimi dieci anni. Inoltre, rileva l'organismo, ''la crescente precarizzazione dei posti di lavoro e l'attuale aumento delle pressioni sul lavoro potrebbero portare ad un aggravarsi dei problemi di salute mentale negli anni a venire''.