Parkinson, nuova cura: arriva il pacemaker cerebrale intelligente

Pubblicato il 1 Dicembre 2011 17:21 | Ultimo aggiornamento: 1 Dicembre 2011 17:29

MILANO – Un pacemaker 'intelligente' per gestire la malattia di Parkison, tramite una nuova strategia terapeutica di stimolazione elettrica cerebrale in grado di adattarsi, istante per istante, ai sintomi della patologia e alle esigenze del paziente: lo hanno realizzato, dopo anni di ricerche congiunte, la Fondazione Ca' Granda Policlinico e l'Universita' degli Studi di Milano. Lo strumento e' stato ora brevettato negli Stati Uniti e in Europa.

L'invenzione e' costituita da uno stimolatore collegato a elettrodi impiantati in strutture cerebrali al di sotto della corteccia che, misurando l'attivita' dei neuroni, monitorano le condizioni del paziente, guidando il pacemaker a dare il giusto stimolo al cervello.

Sara' quindi possibile, per la prima volta, sintonizzare l'attivita' cerebrale alle necessita' del paziente, rendendolo capace di portare a termine le sue normali attivita' quotidiane. Il nuovo pacemaker cerebrale potra' essere usato da tutti i pazienti indicati per il trattamento con stimolazione cerebrale profonda (dbs), e anche per quelli che hanno gia' un impianto dbs di vecchia generazione, visto che puo' adattarsi alla tecnologia precedente.