Il segreto dell’imbattibilità dell’ulcera è nella sua forma, il microbo è come un cavatappi

Pubblicato il 2 Giugno 2010 13:48 | Ultimo aggiornamento: 2 Giugno 2010 15:51

Helicobacter pylori

Il segreto dell’imbattibilità dell’ulcera è nella sua forma a cavatappi. Il batterio dal nome impronunciabile Helicobacter pylori vive come un  pascià nello stomaco grazie alla forma a elica. Infatti, il microbo che alberga nella pancia di metà della popolazione mondiale, trova facilmente ‘casa’ nella ‘gelatina’ protettiva (il muco) che riveste le pareti dello stomaco.

E’ quanto dimostra uno studio diretto da Nina Salama della University of Washington/Fred Hutchinson Cancer Research Center pubblicato sulla rivista Cell. H. pylori, diffusissimo anche se nell’80% dei casi la sua presenza non è associata ad alcun sintomo, in alcune persone è causa di ulcere e gastriti; è inoltre sicuramente implicato anche nel cancro allo stomaco. Che il batterio sfruttasse la sua foggia a spirale per trovare una nicchia dove vivere tranquillo nel nostro stomaco era sospettato da tempo ma non si avevano le prove.

I ricercatori Usa le hanno fornite ed hanno dimostrato che è proprio grazie alla sua forma a cavatappi che il batterio si insinua e si stabilisce sulle pareti dello stomaco. Hanno inoltre visto che H. pylori assume quella forma caratteristica grazie a quattro proteine. Infatti, creando dei ceppi di H. pylori mutanti, privati delle 4 proteine, il batterio non si attorciglia più a spirale e diviene meno capace di colonizzare lo stomaco. Poiché molti altri batteri come quello del colera sono a loro volta a spirale, gli scienziati credono che queste 4 proteine potranno divenire il bersaglio di nuovi farmaci contro H. pylori e altri patogeni anche più pericolosi.