Oroscopo Ariete oggi 30 giugno 2018. Caterina Galloni: la caccia è aperta…

Pubblicato il 30 giugno 2018 3:11 | Ultimo aggiornamento: 30 giugno 2018 6:28
Oroscopo Ariete oggi 30 giugno 2018. Caterina Galloni: la caccia è aperta…

Oroscopo Ariete oggi 30 giugno 2018. Caterina Galloni: la caccia è aperta…

Oroscopo del 30 giugno 2018 per i nati sotto il segno dell’Ariete:  la caccia è aperta…

In questo momento avete, in positivo, una visione diversa della vita, e oggi è accentuata nonché apprezzata da chi vi circonda. Circola una bella energia, potete dedicarvi ad attività rilassanti, trascorrere del tempo con i figli o vivere momenti romantici con la persona amata. Se siete soli, il fascino è notevole per cui… la caccia è aperta!

Per previsioni personalizzate potete entrare in contatto diretto con Caterina Galloni, scrivendo a: caterinagalloni11@gmail.com

L’Ariete nel 2018.

La tripletta Saturno, Plutone e Giove vi consente di riprendere in mano il timone della situazione: rompere con vecchie abitudini, anche legate al lavoro e, proprio in questo settore, rinnoverete tutto, vorrete guadagnare di più e vi muoverete egregiamente per riuscire nel vostro intento. Consoliderete la vostra situazione o sarete pronti a una svolta ma, in ogni caso, occhio a non lasciare nulla al caso o a sovrastimare le energie rimanendo vittime dello stress. Vero che il boss sarà felice del vostro super impegno ma non dimenticate che è importante dedicare tempo anche a voi stessi, all’amore, alla famiglia. Sul fronte denaro, le entrate non mancheranno ma sarete anche spendaccioni, ogni scusa sarà buona per attingere alla riserva. E verso il terzo trimestre del 2018, tornerete alla ragione, eviterete di dilapidare il denaro guadagnato, oltretutto, con tanta fatica. E grazie a Giove, è probabile ci siano donazioni o eredità. Amore: se la coppia ormai è adagiata nella routine, introducete un po’ di pepe, stravolgete i ritmi; se siete in crisi, a giugno potreste prendere decisioni radicali. Soli: non è l’anno in cui incontrare l’anima gemella ma molti di voi, è pur vero, che continuano a pensare a un passato che ormai non c’è più.