Arte: esperti Francia criticano restauro Sant'Anna Leonardo

Pubblicato il 28 Aprile 2012 17:03 | Ultimo aggiornamento: 28 Aprile 2012 22:15

PARIGI, 28 APR – La polemica sul restauro della 'Sant'Anna' di Leonardo da Vinci, che sembrava essersi placata, e' ripresa dopo le dichiarazioni di esperti francesi secondo i quali il museo parigino del Louvre ha esagerato con la pulizia del capolavoro rinascimentale.

Da poco restaurata, 'La Vergine e il bambino con Sant'Anna', pittura su legno della maturita' di Leonardo da Vinci, e' esposta al pubblico da un mese nell'ambito di una mostra al Louvre. Finora i commenti sono stati positivi e i fautori di un restauro piu' prudente non si erano espressi sul risultato finale. Ma una specialista restauratrice, Segolene Bergeon Langle, e' intervenuta ieri sula rivista specializzata Le Journal des Arts, passando all'offensiva: ''Per me – afferma – non e' stato rispettato il principio di precauzione. Bisogna arrendersi di fronte all'evidenza, il volto della Vergine e' meno modellato. La pulizia avrebbe dovuto essere piu' limitata''. La Bergeon Langle, conservatrice del patrimonio, aveva gia' espresso il proprio disaccordo con l'operazione dimettendosi a dicembre dal comitato scientifico internazionale sul restauro della Sant'Anna. Finora, nessuna reazione da parte del Louvre. Anche Jacques Franck, membro della stessa commissione, si rammarica per un alleggerimento della pittura ''piu' pronunciato del previsto. Nel delicato volto di Sant'Anna – dice Franck – l'intervento ha fatto risalire durezze non volute da Leonardo perche' lui amava il modellato sottile''. Per lui, ''e' bastato togliere soltanto qualche micron di pittura antica (si e' passati da 20 a 12 micron) perche' l'effetto 'soft' scomparisse da quella zona. Avevo auspicato il mantenimento di 20 micron, ma non sono stato ascoltato''.

Il restauro e' stato condotto da Cinzia Pasquali, restauratrice romana che ha al suo attivo, fra l'altro, il restauro della galleria degli Specchi a Versailles, assistita dai laboratori e dagli atelier del Centro di ricerca e restauro dei musei di Francia. (