Banksy a Venezia: espone e viene allontanato dai vigili. La performance in un video

di Maria Elena Perrero
Pubblicato il 23 Maggio 2019 10:53 | Ultimo aggiornamento: 23 Maggio 2019 11:06
Banksy alla Biennale di Venezia: espone e viene allontanato dai vigili. La performance in un video

Banksy alla Biennale di Venezia: espone e viene allontanato dai vigili. La performance in un video (Foto Ansa)

MILANO – Dopo la mostra di Milano, Banksy torna in Italia ed espone a Venezia. Questa volta lo fa in prima persona, in carne ed ossa (ma molto ben celate da un largo impermeabile e cappello: che sia lui o un semplice allestitore non è dato saperlo) in piazza San Marco. Solo che intervengono i vigili e lo allontanano, perché senza permessi. 

Lo street-artist più famoso al mondo ha allestito la sua piccola personale con vista laguna in occasione della 58esima Biennale d’Arte, appuntamento al quale lui, come ha fatto notare ironicamente anche sul proprio account Instagram, non è mai stato invitato.

Nella sua opera, un collage di nove quadri disposti su due livelli, l’artista inglese non ha evitato, seppure con uno stile più classico del solito, di lanciare la propria denuncia. Il suo Venice on Oil – questo il titolo dell’opera – ritrae infatti una grossa nave da crociera che solca la laguna veneziana, dietro al ponte di Rialto e al campanile di San Marco. 

L’installazione e conseguente quasi immediata rimozione dell’opera è stata filmata da Banksy con un video subito rilanciato sui social. E così l’ultima epifania dell’artista si trasforma in performance. 

Non è la prima volta che lo street-artist espone a Venezia, nel suo consueto modo. Durante la settimana precedente l’apertura della Biennale sul muro di una casa nel sestiere di Dorsoduro era comparso uno stencil da muro a spray che rappresentava un bambino con giubbetto di salvataggio e in mano un razzo segnaletico coloro rosa acceso.

Nonostante la paternità non sia stata rivendicata l’attribuzione è data quasi per certa. Oltre allo stile, si hanno due temi molto cari all’artista: quello dell’immigrazione e quello dell’infanzia. Tra crisi migratoria ed ecomostri in laguna, a far parlare di più a Venezia finisce per essere il convitato di pietra Banksy. (Fonte: Instagram)