Egitto, a Luxor scoperte 20 bare di legno colorate: “Forse destinate a sommi sacerdoti”

di Caterina Galloni
Pubblicato il 17 Ottobre 2019 6:45 | Ultimo aggiornamento: 16 Ottobre 2019 17:33
Egitto, a Luxor scoperte 20 bare di legno colorate: "Forse destinate a sommi sacerdoti"

(Foto archivio Ansa)

ROMA  –  A Luxor, nella necropoli di Asasif, gli archeologi egiziani hanno scoperto 20 bare di legno dipinte con colori vivaci, ben conservate, che “potrebbero essere appartenute a sommi sacerdoti”. Si tratta di una delle scoperte “più grandi e importanti” degli ultimi anni.

Luxor, a circa 500 km a sud del Cairo, è il sito dell’antica città di Tebe e gli esperti sostengono che le bare potrebbero risalire al Terzo periodo intermedio che iniziò con la morte del faraone Ramesse XI nel 1.070 a.C., il che farebbe risalire le bare a circa 3.000 anni fa.

Roland Enmarch, professore di egittologia all’University of Liverpool, al MailOnline ha spiegato che in quel periodo le bare erano più comuni poiché molti egiziani avevano rinunciato alle tombe più tradizionali. “In passato nell’area sono state trovate bare simili che risalivano intorno al Terzo periodo intermedio, compreso tra il 1.070 a.C. e il 650 a.C. Possiamo capirlo dal tipo di decorazioni presenti sulle bare”.

All’epoca erano al comando i sacerdoti nella parte meridionale dell’Egitto, a nord c’era ancora un faraone, ma questa zona era governata da sacerdoti. “Le persone nelle tombe probabilmente erano sacerdoti, anche minori, e le loro mogli” ed Enmarch ha aggiunto che durante quel periodo molti avevano iniziato a costruire tombe comuni in luogo di quelle singole.

Le immagini diffuse dal governo egiziano mostrano le bare che, benché impolverate, sono ben conservate ed Enmarch afferma che ciò è in parte dovuto al clima favorevole in Egitto.  “In quell’epoca la gente viveva nell’est e nell’ovest del Nilo, nella Luxor attuale vivevano e lavoravano nelle vicinanze, la maggior parte lavorava sul lato est del fiume mentre l’ovest è la terra dei morti, così in tanti volevano essere sepolti in quell’area”.

Meno di una settimana fa, gli archeologi hanno fatto una scoperta all’interno di una bara anch’essa sorprendente: la copia più antica di una “mappa del viaggio dell’anima per raggiungere la vita eterna”. (Fonte: Daily Mail)