Museo Getty di Los Angeles restituisce tre reperti alla Grecia

Pubblicato il 9 Marzo 2012 17:28 | Ultimo aggiornamento: 9 Marzo 2012 17:39

ATENE – Gli ultimi tre antichi e preziosi reperti archeologici greci conservati nel Museo "Villa Getty" di Los Angeles sono tornati oggi in Grecia, mettendo cosi' fine ad anni di controversie legali in quanto ritenuti dalle autorita' di Atene trafugati dal territorio ellenico e illegalmente rivenduti. Lo hanno annunciato i media ateniesi citando un comunicato diffuso dal ministero della Cultura greco.

Dei tre pezzi, due sono frammenti di un bassorilievo del V secolo a.C. proveniente da una stele funebre (un terzo frammento e' in Grecia) in cui e' effigiata una donna seduta, e l'altro e' una lastra di marmo con un'iscrizione di 65 righe relativa ad una festivita' religiosa.

La restituzione dei tre reperti, come si ricorda nel comunicato, e' stata possibile grazie ad un accordo di collaborazione firmato lo scorso settembre con il Museo Getty che prevede anche lo scambio di reperti antichi e l'impegno a contrastare il traffico illegale di antichita'.

Negli ultimi anni il Museo Getty ha restituito alla Grecia diversi reperti di inestimabile valore culturale tra cui una corona funeraria in foglie d'oro di epoca ellenistica proveniente dalla Macedonia (Grecia del Nord), una statua di marmo pario raffigurante una 'Kori' (fanciulla) in piedi realizzata prima del V secolo a.C., un bassorilievo del VI secolo a.C. proveniente dall'isola egea di Thasos e una stele con iscrizioni del IV secolo a.C. originaria della Beozia (Grecia centrale).