Notte dei musei: Roma batte la pioggia, tanti in fila con gli ombrelli

Pubblicato il 16 maggio 2010 11:55 | Ultimo aggiornamento: 16 maggio 2010 11:57

Il sindaco di Roma Gianni Alemanno

I musei di Roma, i luoghi dall’arte capitolina hanno battuto la pioggia. Nonostante il maltempo, infatti, sono stati moltissimi i romani, e non solo, a mettersi in fila davanti a musei e gallerie aperti gratuitamente fino alle 2.00 di ieri 15 maggio.

Alle 23.30, secondo i dati parziali diffusi dalla società capitolina Zetema, sono stati 102 mila i biglietti gratuiti staccati. Nel dettaglio: 6.500 ai Musei Capitolini, 3.800 a Castel Sant’Angelo, 3.000 alle Scuderie del Quirinale e al palazzo delle Esposizioni, 5.000 al Mercato di Traiano e 2.500 all’Ara Pacis.

Il sindaco di Roma, Gianni Alemanno, insieme con l’assessore comunale alla cultura, Umberto Croppi, al presidente di Zetema, Francesco Marcolini e all’amministratore delegato, Albino Ruberti, ha fatto un tour con un pullman toccando i luoghi più significativi tra cui il palazzo dell’Expo e l’Ara Pacis dove si è trattenuto per osservare le mostre in esposizione.

“Questi eventi – ha spiegato Alemanno – sono alternative ai centri commerciali, occasioni per vivere l’arte con grande emozione. Mi auguro per chi stasera è stato in fila per entrate in un museo questo diventi l’abitudine”.