Arte

Il Salvator Mundi di Leonardo Da Vinci acquistato da un principe saudita

salvator-mundi

Il Salvator Mundi di Leonardo Da Vinci

ROMA – L’acquirente del Salvator Mundi, l’ultima opera di Leonardo Da Vinci venduta poche settimane fa all’asta da Christie’s per 450 milioni di dollari, è Bader bin Abdullah bin Mohammed bin Farhan al-Saud, un principe saudita.

La rivelazione, sulla base di documenti di cui il New York Times ha preso visione, collega quello che finora era rimasto un mistero ai recenti intrighi di palazzo in Arabia Saudita. Il principe avrebbe pagato una valanga di dollari per un’opera controversa e dal soggetto decisamente anti-islamico in un momento in cui le elite saudite, compresi membri della famiglia reale, tengono un basso profilo di fronte a una vasta campagna anti-corruzione.

Bader è considerato amico e vicino al leader della purga, il 32enne principe della corona Mohammed bin Salman, con cui a Riad ha frequentato la King Saud University. Una portavoce di Christie’s non ha voluto confermare l’identità dell’acquirente, né Bader ha risposto alla richiesta di precisazioni del giornale.

Documenti ottenuti da fonti saudite e esaminati dal quotidiano hanno rivelato che il principe non si era fatto avanti che alla vigilia dell’asta: “Era una figura così sconosciuta che gli esecutive di Christie’s hanno fatto i salti mortali per stabilirne l’identità e la solidità finanziaria”.

L’opera di Leonardo Da Vinci sarà esposta al Louvre di Abu Dhabi, negli Emirati.

To Top