“Il tramonto del laboratorio Puglia”: Curzio Maltese sulla Repubblica

Pubblicato il 12 Gennaio 2010 11:20 | Ultimo aggiornamento: 12 Gennaio 2010 11:20

Il tramonto del “laboratorio Puglia” è definitivo. Curzio Maltese descrive la fine di un “sogno” attribuendo a Massimo D’Alema la responsabilità di aver bruciato, in poche settimane, i due uomini nuovi del centrosinistra: Nichi Vendola e Michele Emiliano. E così, come afferma lo scrittore Gianrico Carofiglio, le prossime elezioni si annunciano come un “evento dadaista”:

Tutte le piste dell’inguacchio pugliese, come lo chiamano qui, per dire di un inciucio andato male, portano a lui, la volpe del Tavoliere, il leader Massimo. Magari capiva più di politica estera che non d’Italia e forse non ci libererà mai da Berlusconi. In compenso, nel far fuori chiunque gli possa fare ombra nel centrosinistra, D’Alema è sempre infallibile. Uno dopo l’altro, Prodi e Cofferati, Veltroni e Rutelli. Liquidata la pratica nazionale, è tornato nelle sue terre e in un mese ha schiantato i due miti locali, Michele Emiliano e Nichi Vendola. In cambio, s’intende, di un grande disegno. Il professor D’Alema aveva deciso che nel laboratorio pugliese dovesse nascere la nuova creatura del centrosinistra. Un mostro invincibile e un po’ Frankenstein, con dieci partiti, una gamba di Casini qua, un braccio di Di Pietro là, un piede comunista e uno ex fascista, innestati sul corpaccione inerte del Pd. Ma il colpo di fulmine che doveva animarlo non è arrivato. Così l’inventore è ripartito sul destriero per Roma, lasciando il fido assistente Nicola Latorre a fronteggiare incendi e forconi. E l’incendio avanza, dilaga. “Al posto del nuovo centrosinistra allargato, si rischia di avere la spaccatura nel Pd, a Bari come a Roma”, commentano allarmati i militanti. Di ora in ora s’incarognisce la battaglia fra i candidati, che alla fine potrebbero essere quattro. Due nel centrosinistra, Nichi Vendola e Francesco Boccia, e due a destra, Antonio Distaso, candidato ufficiale del Pdl, e la finiana Adriana Poli Bortone. “Di questo passo” è la sintesi dello scrittore Gianrico Carofiglio “le elezioni di marzo si presentano come un evento dadaista”…