Scuola, a Napoli in migliaia al corteo nazionale dei precari

Pubblicato il 30 Ottobre 2010 15:44 | Ultimo aggiornamento: 1 Novembre 2010 19:55

Sono migliaia le persone che a Napoli stanno partecipando alla manifestazione nazionale indetta dai comitati dei precari della scuola italiani. Alla manifestazione hanno aderito Flc Cgil, i collettivi universitari, i ricercatori, gli studenti dell’Uds e Link, la Fiom. Il corteo, partito da piazza Mancini percorrerà il Corso Umberto, via Guglielmo Sanfelice, via Monteoliveto, Calata Trinità Maggiore fino a concludersi in piazza del Gesù nel tardo pomeriggio dove si terranno i comizi e un concerto.

I manifestanti provengono da tutto il Paese, tantissimi i pullman e i treni che hanno portato a Napoli il mondo della scuola unito per chiedere il ritiro dei tagli previsti dal ministro Gelmini. ”Questa è una battaglia per la liberazione del precariato – spiegano i rappresentanti dei docenti precari – nella scuola si toccano con mano i risultati della politica irresponsabile del governo che sta distruggendo il sistema della conoscenza pubblico”.

Alla manifestazione inoltre vi sono tantissimi genitori e studenti ma anche insegnanti in ruolo che hanno scelto di solidarizzare con i precari per difendere il diritto all’istruzione. ”Chiediamo – dicono i precari del Cps – l’impegno del personale della scuola, dell’Università e della Ricerca, dei movimenti dei precari, degli studenti dei genitori e di tutte le forze della società civile per distruggere il progetto devastante di questo Governo e per difendere e migliorare il sistema pubblico di istruzione”. ”Non è solo solidarietà la nostra – spiegano gli studenti di UdS e Link – siamo consapevoli di combattere la stessa battaglia. Siamo insieme ai precari per il diritto allo studio, il diritto alla continuità didattica, ad un’educazione di qualità”.