Alessandro Di Battista sul suo addio: “Molti politici mi fanno i complimenti. Ma poi abbassano lo sguardo”

di redazione Blitz
Pubblicato il 28 novembre 2017 10:27 | Ultimo aggiornamento: 28 novembre 2017 10:27
Alessandro-Di-Battista

Alessandro Di Battista (Foto Ansa)

ROMA – Ospite di Otto e mezzo su La7, Alessandro Di Battista ha commentato per la prima volta il proprio addio alla politica. Un addio che potrebbe essere temporaneo, dal momento che il deputato del Movimento 5 stelle non esclude un altro impegno in futuro in linea con la regola pentastellata dei due mandati, ma che potrebbe anche essere definitivo.

Nel suo intervento alla trasmissione condotta da Lilli Gruber, Di Battista ha spiegato come diversi parlamentari si congratulino con lui per la sua decisione, ma quando lui li invita a fare altrettanto se ne vadano in silenzio “abbassando lo sguardo”.

Sulla linea del Movimento 5 stelle, Di Battista ha sottolineato la propria contrarietà a periodi prolungati nelle istituzioni, perché, sostiene, con il passare del tempo l’attenzione si sposta dall’azione politica all’impegno per mantenere la poltrona.

Lui intende trovarsi un lavoro nel settore dell’informazione, dove ha già lavorato in passato, magari scrivendo o impegnandosi nella controinformazione.

Il deputato neo-papà ha anche commentato il ritorno in campo di Silvio Berlusconi: “Un disco rotto, dice sempre le stesse cose dal ’94, fa promesse che non si capisce perché non ha realizzato quando governava. Ma il nostro avversario non è Berlusconi o Renzi, ma il sistema delle partitocrazie, non vedo differenza tra il PD e il PDL. Oggi Berlusconi ha paura dei 5 Stelle perché sa che gli facciamo una legge anti-corruzione che gli svuota il partito”.