Beppe Grillo, sul blog il “sistema operativo a 5 Stelle”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 3 ottobre 2013 18:57 | Ultimo aggiornamento: 3 ottobre 2013 18:57
Il sistema operativo a 5 stelle presentato sul blog di Beppe Grillo

Il sistema operativo a 5 stelle presentato sul blog di Beppe Grillo

ROMA – Beppe Grillo inaugura il suo sistema operativo a 5 Stelle. E lo presenta, ovviamente, sul suo blog. Si tratta, precisa Grillo, di un progetto ancora in corso di test ed in fase di costruzione da due anni che consentirà agli iscritti certificati di partecipare, proporre e votare direttamente sul sito senza installare nessun software. E sopratutto gratis perché, come spiega il leader M5s, “nessuno vi chiederà mai due euro per votare”. Allusione caustica al contributo per votare alle primarie del Pd. E risposta anche agli esponenti M5s che da tempo chiedono una piattaforma liquida per il dibattito.

A cosa serva il “M5Os” lo spiega direttamente Grillo sul blog:

1. Scelta candidati per le elezioni politiche (utilizzata per le Parlamentarie)
2. Scelta portavoce regionale, o comunale per capoluoghi di provincia (utilizzata per le regionali in Lombardia e per le comunali a Roma)
3. Scelta candidato carica pubblica nazionale (es. presidente Repubblica, Authority, presidente del Senato, ecc) utlizzata per le Presidenziali
4. Decisione immediata su temi di interesse nazionale o del MoVimento (utlilizzata per la valutazione del comportamento di due parlamentari del M5S)
5. Discussione proposta di legge parlamentare (in futuro anche regionale) con gli iscritti (in beta test ad alcuni parlamentari)
6. Creazione di banchetti sul territorio nazionale per eventi specifici con Foursquare
7. Invio mail da parte delle liste M5S certificate agli aderenti sul territorio a livello comunale e regionale (utilizzate regolarmente da molte liste)
8. Forum di discussione pubblico su temi locali (*)
9. Forum privato di condivisione delle attività comunali e regionali da parte dei consiglieri eletti(*)
10. Raccolta fondi (utilizzata per le elezioni politiche)
11. Invio Sms/mail a tutta la popolazione degli iscritti in occasioni di importanza nazionale (utilizzata in varie occasioni)
12. Kit di promozione digitale e fisica per gli attivisti su un tema specifico (utilizzata per le elezioni politiche)

Insomma, secondo il progetto, si tratta di uno strumento unico che fa ordine e raccoglie in qualche modo tutti gli strumenti digitali già utilizzati nel corso di questi anni.