beppe grillo

Luigi Di Maio scrive a Macron: “M5S non ha nulla a che vedere con gli xenofobi”

luigi-di-maio-macron

Luigi Di Maio scrive a Macron: “M5S non ha nulla a che vedere con gli xenofobi”

ROMA – “M5S non ha nulla a che vedere con gli xenofobi”. Luigi Di Maio scrive una lettera pubblica al presidente francese Emmanuel Macron. “Egr. Sig. Presidente Macron, il Movimento 5 Stelle avrà modo di raccontarLe e spiegarLe chi siamo davvero, cosa vogliamo e come vediamo il futuro dell’Europa e dell’Italia nello scenario internazionale. Probabilmente l’opinione che Lei si è venuto via via costruendo nei confronti della prima forza politica italiana è influenzata da una forte propaganda da parte di certo giornalismo e dalle cose che Le riferiscono i politici italiani che provengono dai partiti tradizionali, quegli stessi partiti che sono in crisi di rappresentanza in tutta Europa e che Lei ha sconfitto nettamente alle presidenziali del maggio scorso con una formazione giovanissima, ‘En Marche’“.

Luigi Di Maio, nella lettera pubblicata sul blog di Beppe Grillo sottolinea la consonanza tra M5s e Macron sulla volontà di una nuova Europa e la distanza del movimento da gruppi xenofobi. “Il Movimento 5 Stelle – scrive Di Maio infatti nella conclusione della lettera – non ha nulla a che fare con certe formazioni xenofobe e antagoniste che crescono un po’ ovunque in Europa. Anzi, la nostra forza ha canalizzato e trasformato in energia democratica positiva pulsioni che avrebbero potuto altrimenti generare effetti realmente destabilizzanti. Sono sicuro che quando ci conosceremo meglio, coglierà che il nostro Movimento, oltre a non essere una minaccia, piuttosto coltiva le soluzioni migliori per molti dei problemi d’Europa”.

Di Maio, rivolto a Macron, afferma che “il Movimento 5 Stelle crede profondamente, proprio come Lei, in una rifondazione dell’Europa che ci riporti alle missioni originarie che la comunità continentale si era data: la pace, la stabilità, il progresso economico, la tutela e la promozione dei popoli. Un’Europa che dia un orizzonte ai desideri e alle aspettative delle persone, che non affoghi nell’iper-burocratizzazione delle regole sulla finanza, che ascolti le comunità e non soltanto i consigli di amministrazione delle banche d’affari, che esalti le identità nell’unità e non azzeri le nostre ricchezze mettendoci gli uni contro gli altri, che difenda il lavoro e le piccole imprese e non sia terreno di scorrerie per il grande capitale globale senza regole. Quando ci conoscerà meglio, presidente Macron, capirà che abbiamo, certamente, punti importanti di divergenza, ma scoprirà anche temi e posizioni del Movimento 5 Stelle condivisibili e su cui poter confrontarsi”.

To Top