M5s a giornalisti: “Vediamo chi ha seguito”. Black list, domande “non inerenti”

Pubblicato il 22 maggio 2013 20:12 | Ultimo aggiornamento: 22 maggio 2013 20:14
M5s a giornalisti: "Vediamo chi ha seguito". Black list, domande "non inerenti"

Riccardo Fraccaro, deputato M5S (foto Lapresse)

ROMA – Movimento 5 Stelle contro giornalisti, la saga continua. E ora sono i parlamentari grillini a rivolgere domande ai giornalisti. Non è uno scherzo, è successo veramente durante la conferenza stampa in cui doveva essere presentato un disegno di legge costituzionale sui referendum, proposta avanzata dal comitato Quorum Zero. Durante la conferenza stampa, scrive l’Ansa, qualche giornalista si è “permesso” di fare “domande sbagliate”, perché “non pertinenti”. Chiedevano cioè lumi sulla presunta black list contro i giornalisti.

A quel punto è scattata la contromossa dei relatori M5s, che hanno cominciato a interrogare i cronisti presenti: ”Ora voglio fare io una domanda a voi giornalisti. Vediamo se avete seguito quanto detto, se siete stati attenti. Esponetemi almeno una delle proposte che vi abbiamo illustrato”.

Qualche giornalista risponde spiegando che la conferenza stampa è stata esplicita e dà anche prova di aver ”inteso” quel che si è detto. Un altro esponente ‘invita’ a fare domande pertinenti. I cronisti stavolta replicano: ”Fino a prova contraria, siamo liberi di scegliere le domande”, afferma un giornalista.

A quel punto interviene il deputato Riccardo Fraccaro. Chiede ai giornalisti di alzare la mano per vedere quanti siano favorevoli all’abolizione del quorum per i referendum. I cronisti restano immobili: ”Non esprimiamo mai posizioni: ad esempio non applaudiamo mai. E’ il nostro lavoro”.