Patrizio Cinque (M5s), sindaco di Bagheria, minacciato di morte

di Redazione Blitz
Pubblicato il 15 settembre 2014 14:12 | Ultimo aggiornamento: 15 settembre 2014 14:13
Patrizio Cinque (M5s), sindaco di Bagheria, minacciato di morte

Patrizio Cinque

BAGHERIA (PALERMO) – Minacce di morte al sindaco di Bagheria, Patrizio Cinque, del Movimento 5 stelle. Cinque è stato preso di mira al culmine di una contestazione da parte dei lavoratori Coires (il comitato intercomunale rifiuti) che reclamavano il pagamento degli stipendi.

Nella stessa contestazione, riferisce Repubblica, è stato minacciato di morte anche l’assessore ai lavori pubblici, Fabio Atanasio.

Cinque è da tempo impegnato nella lotta per normalizzare il servizio della raccolta di rifiuti a Bagheria e ha istituito una unità di crisi per lo smaltimento della spazzatura, ritenendo l’azienda che era adibita a farlo non in grado di assicurare il servizio.

Il presidente dell’Assemblea regionale siciliana, Giovanni Ardizzone, ha telefonato a Cinque per esprimergli la propria solidarietà:

“Sulla legalità non si può fare alcun passo indietro. Episodi come questi vanno condannati, senza se e senza ma. Per questo motivo ho invitato il sindaco Cinque e l’intera amministrazione comunale a proseguire nel percorso di rispetto delle regole, manifestando la vicinanza dell’intera Assemblea regionale siciliana”.

Solidarietà anche dal Movimento 5 stelle, che ha pubblicato un post sul blog di Beppe Grillo: 

“A seguito delle minacce di morte rivolte ad un componente della giunta di Bagheria ed al sindaco Patrizio Cinque, il MoVimento 5 Stelle, i deputati all’Ars e alla Camera, i senatori e il mondo degli attivisti e portavoce M5s, si uniscono al coro di solidarietà e condannano duramente atti di estrema prepotenza come questi. Chiediamo soprattutto alla cittadinanza di Bagheria di sostenere i propri rappresentanti tenendo a mente che il sindaco Cinque, la sua giunta e tutto il Movimento bagherese stanno lavorando per riportare la normalità e sanare gli enormi problemi preesistenti, in un comune che, negli ultimi decenni, è stato vittima di soprusi ed inefficienze. L’amministrazione potrà contare sul nostro supporto costante, ed ogni nostra professionalità sarà messa sempre a sua disposizione”.