La ricca vita di Ruby: paghe da 15 mila €, vacanze da 90 mila €

di redazione Blitz
Pubblicato il 18 febbraio 2015 15:49 | Ultimo aggiornamento: 18 febbraio 2015 15:53
La ricca vita di Ruby: paghe da 15 mila €, vacanze da 90 mila €

La ricca vita di Ruby: paghe da 15 mila €, vacanze da 90 mila €

MILANO – Paghe da 14-15mila euro, rigorosamente cash, prudentemente consegnate a mano da alcuni intermediari che facevano la spola tra Milano e Genova. Un party di compleanno da 7 mila euro per la figlioletta Sofia, di appena 3 anni. Vacanze extralusso, l’ultima alle Maldive col nuovo compagno, che potrebbe essere costata tra i 60 e i 90 mila euro. E’ la ricca vita di Karima El Mahroug, in arte Ruby Rubacuori, la marocchina al centro dello scandalo che ha travolto l’ex premier Silvio Berlusconi, poi assolto in appello dalle accuse di concussione e prostituzione minorile e ora di nuovo nel mirino degli inquirenti. Secondo l’accusa del processo Ruby ter, terzo filone dell’inchiesta, non si tratterebbe di semplice generosità da parte dell’ex Cavaliere, ma di un sistema di elargizione di denaro per ottenere il silenzio da Ruby e dalle cosiddette olgettine sulle chiacchieratissime serate di Arcore.

Martedì la polizia giudiziaria ha perquisito casa di Ruby a Genova e di altre ragazze, una ventina, ritenute “stipendiate” di Berlusconi. Secondo i pm la giovane marocchina avrebbe ricevuto soldi in contanti anche negli ultimi mesi. A destare i sospetti è stato appunto il suo stile di vita, decisamente al di sopra dei suoi guadagni. Gli investigatori avrebbero documentato le spese “folli” di Ruby nell’ultimo periodo, come i 7 mila euro pagati lo scorso dicembre per la festa di compleanno della figlia, che tra l’altro frequenta una scuola privata. O le borse griffate regalate alle amiche. Oltre alla già nota “fame” di borse e tacchi firmatissimi, fotografati a casa sua.

Dalle intercettazioni è emerso, inoltre, che la giovane avrebbe anche richiesto un abito del sarto dei vip, Gianni Campagna (un suo pezzo può costare dai 6 ai 25mila euro). Secondo gli investigatori, a riportare le richieste di denaro di Ruby a Berlusconi, era l’avvocato Luca Giuliante, anche lui perquisito martedì, che le avrebbe consigliato di non esagerare.