Il “ricatto” di Lavitola: Berlusconi è parte lesa, ma non si presenterà dai pm

Pubblicato il 5 agosto 2012 14:27 | Ultimo aggiornamento: 5 agosto 2012 14:27

BerlusconiNAPOLI – Silvio Berlusconi ha già comunicato lo scorso 26 luglio che non si presenterà davanti ai pm di Napoli che lo vorrebbero interrogare a proposito del caso Lavitola.

L’ex presidente del Consiglio è considerato parte lesa per il ricatto da cinque milioni di euro che avrebbe subito appunto dall’ex direttore de L’Avanti Valter Lavitola: Berlusconi ha fatto però sapere tramite i suoi avvocati che non intende rispondere alle domande degli inquirenti perché indagato di reato connesso nell’inchiesta di Bari sulle pressioni che avrebbe esercitato nei confronti dell’imprenditore Gianpaolo Tarantini.

La tesi viene ritenuta non fondata dai magistrati che nei prossimi giorni potrebbero decidere nuove iniziative. Anche perché Carmelo Pintabona, l’uomo che avrebbe fatto da tramite tra l’ex premier e Lavitola ed è stato arrestato due giorni fa per estorsione in concorso con lo stesso Lavitola, ha mostrato di voler collaborare ammettendo di aver avuto un incontro con Berlusconi su questa vicenda.

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other