Porta Pia, Roma completa il naufragio del Risorgimento, iniziato nel 1860

di Sergio Carli
Pubblicato il 21 Settembre 2020 12:25 | Ultimo aggiornamento: 21 Settembre 2020 12:40
Porta Pia, i bersaglieri entranio a Roma. Il Piemonte completa l'annessione dell'Italia e la fine del Risorgimento con Garibaldi a Caprera.

Porta Pia, i bersaglieri entranio a Roma. Il Piemonte completa l’annessione dell’Italia e la fine del Risorgimento con Garibaldi a Caprera.

Porta Pia, il 20 settembre di 150 anni fa. Per la breccia passarono i bersaglieri. L’Italia era nata male e la presa di Roma suggellò il fallimento del Risorgimento.
Il re a Garibaldi: fatti da parte. I Mille trattati come ladri. La nave con Ippolito Nievo che portava i documenti dell’onestà garibaldina affondata al largo di Capri. Il razzismo dei piemontesi e l’ideologia della classe politica (dazi piemontesi applicati ovunque, dissennata vendita dei beni demaniali e del clero)  diedero il colpo di grazia al Meridione, che già di suo, dopo secoli di sfruttamento, era in ginocchio.
Allora come oggi. Un anno prima lo scandalo della prima privatizzazione della storia italiana, il monopolio dei tabacchi: il re sospettato di una mazzetta di 6 milioni (dell’epoca), mega insabbiamento. Nella biografia di Francesco Crispi, Christopher Duggan ricostruisce il protoscandalo l’Italia.
Poi venne Porta Pia, la presa di Roma e il boom immobiliare. E anche la vergognosa Legge delle Guarentige. Se l’Italia di oggi è così, molto ebbe inizio allora.

Per saperne più, ecco

1. La ricostruzione di Wikipedia.

2. Repubblica. Porta Pia: Roma libera e italiana. Il 20 settembre di 150 anni fa i bersaglieri di Cadorna entravano nella nuova capitale del regno. Tre punti di vista su quel giorno

3. Il Fatto. Vittorio Emiliani. I preti aspettavano i piemontesi per la grande speculazione che ancora non si ferma. Lo scempio urbanistico nato dalla Breccia poco Pia