AOL a Verizon: 4,4 mld. Nel 2001 ne valeva 186. Magnifiche sorti e progressive?

di Redazione Blitz
Pubblicato il 14 Maggio 2015 7:00 | Ultimo aggiornamento: 13 Maggio 2015 14:25
AOL a Verizon: 4,4 mld. Nel 2001 ne valeva 186. Magnifiche sorti e digitali?

AOL a Verizon: 4,4 mld. Nel 2001 ne valeva 186. Magnifiche sorti e digitali?

ROMA –  Aol a Verizon: 4,4 mld. Nel 2001 ne valeva 186. Magnifiche sorti e digitali? Verizon acquista AOL per 4,4 miliardi di dollari (50 dollari per azione) e guarda al futuro. Con le reti di comunicazione fisiche ormai obsolete grazie al wi-fi e l’addio agli abbonamenti alla tv via cavo per Netflix e simili, Verizon punta a crescere nel mobile. E in attesa del lancio di un servizio di video e contenuti ad hoc per tablet, smartphone e pc, porta a casa AOL e la sua piattaforma tecnologica per la pubblicità, ritenuta chiave da Verizon per eseguire la sua strategia.

Forse non è inutile una riflessione sulle magnifiche sorti e progressive della tecnologia: nel 2001, quando era il campione nazionale della digitalizzazione delle masse, American Online (Aol) acquistò la storica Time Warner dando vita a un colosso da 350 miliardi di dollari. Concentriamoci sulle cifre attuali: AOL è valutata 4,4 miliardi di dollari, all’epoca della fusione Time Warner fu valutata 164 miliardi di dollari. Aol ne valeva un po’ meno di 200.

Oggi, dopo una bolla finanziaria da capogiro che ridimensionò il mercato hi-tech della comunicazione, il suo nome non compare più associato a Time Warner ed il suo valore, beh basta anche un calcolo più che approssimativo per capire quanto valga. Stiamo parlando di soldi ma anche di strategie, le stesse che danno per morta la carta, i film, la televisione: cambiamenti, perfino rivoluzioni ci sono state, ma troppi requiem sono stati intonati a sproposito. Valga come messaggio di conforto e di incentivo alla cautela sui progressi futuri.