Ciclisti contromano, a New York li arrestano, da noi sono padroni

di Sergio Carli
Pubblicato il 14 Maggio 2014 12:01 | Ultimo aggiornamento: 14 Maggio 2014 12:01
Ciclisti contromano, a New York li arrestano, da noi sono padroni

Alec Baldwin arrestato a New York perché contromano in bicicletta (LaPresse)

ROMA – L’attore Alec Baldwin è stato arrestato dalla polizia di New York perché pedalava contromano. Mentre in Italia dei pazzi irresponsabili al ministero dei Trasporti, dove Maurizio Lupi è troppo occupato in cose più grosse per chinare il capo sulla strage da lui avallata, in America, che non a caso è il Paese più forte del mondo, fanno sul serio.

La cronaca di Flavio Pompetti sul Messaggero è da incorniciare. (Maggiori dettagli e foto sul New York Post).

Alec Baldwin, riferisce, è uscito di casa in tenuta da ciclista, calzoncini e maglietta, avviandosi lungo la famosa quinta strada, la Fifth Avenue, che passa vicino alla abitazione dell’attore, nel Greenwich Village, verso la parte bassa di Manhattan:

“Una pattuglia della polizia lo ha incrociato mentre pedalava contromano sulla centralissima quinta avenue all’altezza della sedicesima strada, non lontano dalla sua abitazione nel Greenwich Village. Il traffico è denso in quell’area come in tutta la rete stradale di Manhattan, ma molti ciclisti non vanno molto per il sottile: attraversano con il rosso, si insinuano tra le auto in colonna, e qualche volta salgono persino sui marciapiedi. Nel tentativo di mettere un po’ d’ordine la municipalità ha disegnato negli ultimi due anni corsie preferenziali, e molti pedalatori ne rispettano i confini. Alec evidentemente non è tra questi. Quando le due poliziotte lo hanno fermato, ha cominciato a gridare e a protestare la causa improponibile della sua innocenza.

Le donne in divisa gli hanno chiesto un documento d’identità che l’attore non aveva. A quel punto Baldwin ha rincarato la dose, come testimoniano alcuni passanti che lo hanno visto insultare le poliziotte. Ha cercato di divincolarsi, e le due agenti non hanno avuto altra scelta che mettergli le manette. Baldwin è stato portato al più vicino posto di polizia, dove oltre alla violazione stradale gli è stata notificata una denuncia per resistenza a pubblico ufficiale, e la relativa citazione ad apparire in giudizio.

Non è finita qui. Tornato a casa, l’attore si è immediatamente lanciato su Twitter: «L’agente Moreno mi ha arrestato e mi ha messo in manette per aver guidato contromano, mentre davanti a casa mia stamattina mi figlia è stata ancora una volta assalita dai paparazzi che l’hanno quasi travolta, mentre i poliziotti restavano immobili a guardare. E poi: New York è un carnevale di stupidità a briglia sciolta, alla disperata ricerca di soldi, anche a costo di criminalizzare comportamenti che fino a ieri erano sempre tollerati». Da tempo l’interprete di 30 Rock e del film Blue Jasmine minaccia di lasciare Manhattan “capitale del degrado civile”, e di abbandonare anche la ribalta dello spettacolo, per ritirarsi a vita privata.