Il Governo suicida di Salvini e Di Maio: 120 miliardi di spese, 0,5 miliardo di copertura

di Giuseppe Turani
Pubblicato il 1 giugno 2018 6:14 | Ultimo aggiornamento: 1 giugno 2018 8:20
Il Governo suicida di Salvini e Di Maio: 120 miliardi di spese, 0,5 miliardo di copertura

Il Governo suicida di Salvini e Di Maio: 120 miliardi di spese, 0,5 miliardo di copertura

Governo suicida di Matteo Salvini e Luigi Di Maio: 120 miliardi di spese, 0,5 di copertura. Così nasce un piccolo governo. Bibi e Bibò saranno ministri, finalmente. Savona è stato liquidato, [App di Blitzquotidiano, gratis, clicca qui,-Ladyblitz clicca qui –Cronaca Oggi, App on Google Play] ma solo in parte: sarà ministro per gli affari europei. L’uscita a sorpresa dall’euro e dall’Europa non è quindi affatto scongiurata, avverte Giuseppe Turani in due articoli qui sintetizzatipubblicati anche su Uomini & Business. Ma, eventualmente, lo sapremo solo un lunedì mattina, a cose fatte, come si spiega nel piano B, messo a punto dagli amici di Savona.

Non a caso l’Economist titola: “Maneggiare con cura”.

E’ la prima volta che in Europa sovranisti e populisti vanno al governo. Siamo riusciti a fare anche questo.

Sulle prospettive di questo governo c’è poco da dire. A fronte di spese per 120 miliardi ci sono solo coperture per 500 milioni. In pratica, questo è un governo suicida.

L’unica sua possibilità, è appunto quello di lasciare l’euro e mettersi a stampare lire anche di notte.

Forse non arriveranno a tanto. Ma le premesse ci sono tutte, e anche gli uomini.

Poiché, come ci è stato spiegato, l’eventuale abbandono dall’euro sarà un’operazione segreta, non ci resta che chiedere pietà al Cielo. Per una volta non è previsto che il popolo venga ascoltato. Basteranno Salvini e Di Maio.

Siamo finiti nelle mani di pazzi.

Tutti quelli che “adesso facciamoli provare” saranno soddisfatti, adesso proveranno. In parte è stata rispettata anche la regola Grillo (“una massaia può fare il ministro dell’economia”): Barbara Lezzi al ministero per il Sud (famosa per aver detto che il Pil cresce perché d’estate si usano molto i condizionatori) è un perito commerciale (ha avuto 20 clic sulla piattaforma) e il ministro dell’istruzione è un  professore di ginnastica (“olpà, dest, sinist, dietro front, piegare le ginocchia”).

Dove cascano Grillo, gli asini e la democrazia diretta è sul resto. Per i ministeri che contano, dove l’analfabeta funzionale può creare solo imbarazzi, hanno dovuto chiamare in soccorso una manciata di tecnici. E non sono andati nemmeno tanto per il sottile, hanno saccheggiato la vecchia odiata Kasta. Il ministro dell’economia è amico di Brunetta e di Sacconi, Forza Italia, insomma. Massoni, burocrati, ex-ministri, con un minimo di possibilità di far funzionare l’assurdo baraccone appena partito. Qualcuno di questi, per la verità, forse è stato imposto da Mattarella, proprio perché a Dublino e a Francoforte non si mettessero a ridere.

Ma, al di là, delle battute, questo governo può farcela? No, per molte ragioni:

1- Il famoso programma è una specie di freccia che, se scagliata davvero, porta dritto a un indebitamento folle e all’uscita (o cacciata) immediata dall’euro: contro 120 miliardi di spese previste ci sono entrate per appena 500 milioni. Questi sono numeri.

2- Ma la freccia non verrà scagliata. Alla fine non avranno il coraggio di provarci davvero. L’uscita dall’euro e il ritorno alla lira non oseranno farlo. Troppo complicato. E troppo rischioso. Gli industriali del Nord Est, se dovessero provarci, marciano su Roma e gettano Salvini e Di Maio nel Tevere. Questo è un governo che riuscirà, malamente, a gestire poco  più degli affari correnti. Poiché sono bravi con le chiacchiere, troveranno un sacco di scuse: quelli di prima, l’Europa non vuole, i poteri forti. Alla fine riempiranno d’acqua il loro programma e faranno quel poco che possono. Faranno, questo sì, molti favori agli amici e qualche attentato alle libertà civili. Forse anche un inizio di caccia al negher. Più realisticamente (perché anche la caccia è complicata) cercheranno di farli morire: sui barconi e quando arrivano in Italia, niente soldi, niente alloggio, niente scuole, niente sanità (le regioni leghiste hanno già cominciato).

3- Non dureranno a lungo. Solo i democristiani, dopo decenni di governo, riuscivano a tenere insieme governi con più anime. E non bisognava nemmeno fare i conti con Bruxelles. Questi qui si tireranno i piatti a ogni riunione. In buona misura sono analfabeti funzionali, ma con degli ego giganteschi. Dovranno intervenire i commessi e, forse, i carabinieri.

4- E incapperanno in molti incidenti. Il primo già si profila. Il neo-ministro dell’economia non vuole tirare fuori nemmeno un soldo per evitare l’aumento dell’Iva. Lasciamo aumentare l’Iva, dice e usiamo quei soldi per fare altro. Ha ragione lui, ma l’anima populista sta già protestando (e, purtroppo, anche la sinistra): in questo modo si danneggiano i poveri e si favoriscono i ricchi, l’Iva non è progressiva, è uguale per tutti. Con l’aumento dell’Iva il prezzo del pane cresce per tutti, ricchi e poveri, nella stessa misura. Di grane così sul tavolo di Salvini e di Di Maio ne arriveranno almeno dieci al giorno. Per un po’ cercheranno di andare avanti, poi getteranno la spugna. Lasceranno tutto in mano ai funzionari ministeriali e andranno in giro a fare comizi, che è la loro unica specialità.

5- Infine, ci saranno i regolamenti politici interni.  Di Maio è già sotto osservazione, e stanno per commissariarlo. Salvini strepita, ma dovrà fare i conti con Berlusconi  e con la sua base. Fra tre mesi, forse gli eroi di oggi saranno già usciti di scena.

E si cercherà di capire come andare avanti.

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other