“L’Inferno non esiste!” e la basilica di San Pietro tremò: piovono calcinacci su Papa Francesco

di Redazione Blitz
Pubblicato il 30 marzo 2018 14:27 | Ultimo aggiornamento: 30 marzo 2018 15:51
"L'Inferno non esiste!" e la basilica di San Pietro tremò: piovono calcinacci su Papa Francesco

“L’Inferno non esiste!” e la basilica di San Pietro tremò: piovono calcinacci su Papa Francesco

ROMA – Il Padreterno – si accalorava Lattanzio, padre della Chiesa delle origini – non è impassibile né indifferente.

Tutte le notizie di Blitzquotidiano in questa App per Android. Scaricatela.

Ama e odia i suoi figli, si arrabbia e si vendica: soprattutto tiene una contabilità esatta delle empietà e delle ingiustizie, perché ha a cuore la salvezza dell’anima immortale di ciascuno.

Tollera vizi e mancanze, offre la possibilità di redimersi  fino all’ultimo, ma poi confina le anime impenitenti all’Inferno a soffrire per l’eternità. Sarà per questo che ieri 29 marzo la basilica di San Pietro ha tremato, calcinacci sono piovuti sulla folla di fedeli, per fortuna è andata meglio che a Santa Maria del Fiore a Firenze, dove ci scappò il morto.

Lassù, proprio perché Dio è passionale e non apatico, non hanno preso per nulla bene l’uscita di Papa Francesco confidata all’amico Eugenio Scalfari: “L’Inferno non esiste, esiste la scomparsa delle anime peccatrici che non si pentono”.

Apriti cielo! Vai a spiegare lassù che i virgolettati che Scalfari attribuisce a Bergoglio sono in realtà dichiarazioni sue, che il Vaticano ha prontamente smentito non senza ricordare che non è la prima volta. Qui parliamo di doppia eresia di un papa già sotto scrutinio permanente da parte di tradizionalisti e ratzingeriani sedotti e abbandonati.

Uno a caso, Antonio Socci, chiede la deposizione di un pontefice che mena scandalo pubblico in particolare nei confronti delle “anime dei semplici”, negando due dogmi come l’esistenza dell’inferno e l’immortalità dell’anima. Dio prenderà nota, intanto un segnale tangibile della sua collera l’ha già inviato: la dimora di Pietro, un altro fumantino, ha vacillato. Bergoglio si sbrighi a ritrattare, un papa all’Inferno non sarebbe una novità.