M5S tifosi, li difendi e ti insultano…Ci fanno o ci sono?

di Redazione Blitz
Pubblicato il 14 Dicembre 2015 13:20 | Ultimo aggiornamento: 14 Dicembre 2015 14:08
M5S tifosi, li difendi e ti insultano...Ci fanno o ci sono?

M5S tifosi, li difendi e ti insultano…Ci fanno o ci sono?

Qualche giorno fa Blitz scriveva a proposito di Agata Montesanto consigliera comunale di Mascalucia: “…nei segugi che disperatamente annusano vizio altrui c’è gran pena e profonda piccolezza umana…occorre essere piccoli piccoli per gridare al peculato se un impiegato porta borse della spesa dal supermercato alla macchina in un giorno di pioggia…piccoli, acidi, pericolosi…è vandalismo della cosa pubblica…per cui si lasci in pace la consigliera M5S colpevole di nulla”.

Chiaro, no? Consigliera M5S colpevole di nulla. E piccoli e penosi quelli che hanno inventato lo scandalo delle borse della spesa. Chiaro, no? No, nonostante sia scritto e stampato che anche un cieco addormentato, nonostante fossero poche semplici righe evidentemente a difesa di una colpevole di nulla ed evidentemente critiche verso un’abitudine meschina e pettegola a trasformare in politica acidità d’animo, nonostante tutto arriva il commento del signor Mauro Tarallo che dice “Blitz vergogna!”. Vergogna perché? Per aver attaccato M5S e (chissà cosa c’entra) nascondere le magagne Pd. Mauro Tarallo e poi il signor Alessandro Solinas che tanto signorilmente non si esprime ma fa nulla, lui commenta: “Blitz fai cagare”. Sempre per aver attaccato M5S.

Ora è vero che i signori Tarallo e Solinas rispondono solo di se stessi e solo se stessi rappresentano e non certo M5S. Però i signori Tarallo e Solinas sono rappresentativi di un gruppo abbastanza vasto e abbastanza dedito a presidiare il web. Sono i tifosi, anzi gli ultra di M5S che senza nessuna autorizzazione o investitura da M5S si sono autonominati ronde di controllo del web. Siamo un paese libero e ognuno faccia ciò che lo diverte di più. Se vogliono fare le ronde ultra, si accomodino.

Però ai tifosi ultra M5s del tipo Tarallo e Solinas una domanda va fatta, su di loro una domanda è legittima, quasi obbligata: ci fate o ci siete? Ci fanno o ci sono? Come avviene che depositino insulti in calce a un testo che difende una consigliera M5S? Accade perché non reggono la fatica di leggere quattro frasi? Perché non tengono lo sforzo di quattro parole in sequenza? Perché non leggono nulla? Perché non sanno quel che scrivono? Perché allegano insulti a qualunque cosa incontrino, sul web e forse anche altrove? Insomma a non capire neanche quel che leggono ci fanno o ci sono? Ci fermiamo qui con il sincero augurio ci facciano e con il fondato sospetto che ci siano.