Macron blues: Benalla, il ritocco di Brigitte, il giovane morto nella Loira

di Redazione Blitz
Pubblicato il 7 Agosto 2019 5:31 | Ultimo aggiornamento: 6 Agosto 2019 14:33
Emmanuel Macron blues: Benalla, il ritocco di Brigitte, il giovane morto nella Loira

Nella foto Ansa, un murales dedicato a Steve Canico

ROMA – Mentre la Première Dame trascorre la convalescenza post ritocco estetico nella residenza di Stato a Fort Brégancon, Emmanuel Macron deve di nuovo tremare per la “liason dangerouse” con l’aitante e ambizioso incaricato di missione Alexandre Benalla, che entrava e usciva dall’Eliseo a piacimento e all’occasione indossava casco e manganello per picchiare i manifestanti. Senza averne titolo.

Lo choc per la morte di Steve Maia Caniço. In queste ore poi la Polizia, il Ministero dell’Interno, il Governo sono sotto accusa: a Nantes, la notte tra il 21 e il 22 giugno, il 24enne Steve Maia Caniço è caduto nella Loira e ha perso la vita per colpa della violenza indiscriminata degli agenti?

Macron ha promesso piena luce, la polizia sottoposta alla prova di forza intermittente ma inesorabile dei gilets jaune sta esagerando, ha troppa mano libera. “Non ci fidiamo più” gridano a Nantes sui luoghi dove è morto Caniço, segnala Le Monde che tiene a sottolineare le testimonianze di persone moderate. La rabbia è trasversale: alla marcia silenziosa del 3 agosto sono seguiti violenti scontri.

Chirurgia estetica e vacanze presidenziali. Intanto Brigitte è stanca ma tranquilla per i postumi dell’operazione di chirurgia estetica durata tre ore. L’ex prof di francese, 66 anni, è stata operata il 17 luglio all’ospedale americano di Neuilly-Sur-Seine. E’ uscita dalla clinica il giorno stesso, poi ha passato qualche giorno di convalescenza a La Lanterne, la residenza di Stato a Versailles.

Dal 25 luglio, i Macron si sono trasferiti al Fort de Brégancon, un’altra residenza a disposizione dei presidenti francesi affacciata sul Mediterraneo. Qualche giorno di riposo, intervallato da qualche visita – sul posto è atteso nei prossimi giorni il presidente russo Vladimir Putin – prima del G7 che in programma quest’anno a Biarritz dal 24 al 26 agosto.

Benalla ha mentito. Squarci di grandeur e sfrontatezza elitaria: anche osservati dal buco della serratura del gossip, fomentano un’opinione pubblica delusa e moralista che ce l’ha con Macron ormai a prescindere. Su Benalla il presidente ha dovuto addirittura smentire che l’amico e guardia del corpo non era il suo amante. 

Però aveva giurato, il Benalla, che il telefonino l’aveva perso e invece son spuntate le tracce dei suoi messaggi su Instagram al presidente: non che riveli chissà cosa, informava Macron che sarebbero uscite delle foto con lui col casco da poliziotto, il punto è che ha mentito.

Concime su En Marche. Il 2 agosto un gruppo di agricoltori ha simbolicamente ‘murato’ la sede di rappresentanza della deputata En Marche. Due tonnellate di concime sono state versate dinanzi alla sede della deputata en Marche di Haute-Garonne. (fonti Liberation, Le Monde)