Mario Monti. Eredità: debito pubblico + 2.163 miliardi, consumatori denunciano

Pubblicato il 14 Giugno 2013 4:42 | Ultimo aggiornamento: 14 Giugno 2013 23:59
Mario Monti. Eredità: debito pubblico + 2.163 miliardi, consumatori denunciano

Mario Monti: salvatore o colpo di grazia?

Dopo che la Banca d’Italia ha rivelato che il debito pubblico ha toccato un nuovo record, le due associazioni di consumatori Adusbef e Federconsumatori hanno scoperto, si dovrebbe dire l’acqua calda e cioè che il governo tecnico guidato da Mario Monti

“‘ha generato un aumento del debito pubblico” di 128,904 miliardi fra fine novembre 2011 ed aprile 2013, una ”tassa occulta” pari a 2.163 euro in più per ogni cittadino italiano.

Secondo Adusbef e Federconsumatori, con Monti il debito è aumentato in media di circa 7,5 miliardi al mese,

”il peggior risultato rispetto a tutti i governi che l’hanno preceduto dal 1996”.

La ”stangata” del governo Monti su ciascuna famiglia italiana, secondo Adusbef e Federconsumatori, raggiunge gli 8.221 euro considerando

”rincari, aumenti e ritocchini registrati in tutti i settori, dalle banche alle assicurazioni, alle bollette del gas ed energia, ai servizi idrici ed alla tassa sui rifiuti”.

Adusbef e Federconsumatori chiedono

”un piano di contenimento, cominciando a tagliare veramente costi e sprechi nascosti all’interno della spesa pubblica” oltre ”alla vendita del patrimonio immobiliare ed all’oro e riserve della Banca d’Italia”..