Pietro Grasso incoronato, Boldrini appiedata: non le resta che allearsi con Renzi

di Redazione Blitz
Pubblicato il 4 dicembre 2017 11:23 | Ultimo aggiornamento: 4 dicembre 2017 14:08
grasso-boldrini-renzi

Boldrini spiazzata da Grasso leader della sinistra. Le toccherà allearsi con Renzi?

ROMA – Pietro Grasso incoronato, Boldrini appiedata: non le resta che allearsi con Renzi. Mai dire mai, nella vita come in politica. Il giorno stesso dell’incoronazione di Pietro Grasso a leader della nebulosa a sinistra del Pd, una galassia che comprende Mdp, Sinistra Italiana, Possibile (Civati) ma non Campo progressista, Laura Boldrini ha capito di aver scommesso sul cavallo sbagliato, quel Pisapia che ha illuso i duri e puri e che si acconcerà verosimilmente a scendere a patti con Renzi.

Solo pochi giorni fa infatti alla kermesse di Campo Progressista scandiva proclami ultimativi, tipo “ad oggi non ci sono le condizioni per un’alleanza con il Pd”: applausi scroscianti, petti in fuori, l’anti-renzismo portato come un vestito di lotta e di governo. Non il massimo quanto a decoro istituzionale, il presidente della Camera è pur sempre un arbitro.

Come arbitro sarebbe il presidente del Senato Grasso, oggi alla guida di una forza che sogna il 10% così da poter andare compatta da Mattarella, dopo il voto, a dire sì a tutti tranne Renzi. Pippo Civati di Possibile, esaltato per l’incoronazione dell’ex magistrato, lo ha spiegato a Boldrini: “Ma dove ‘campo’ vai con Alfano che non vuole lo Ius soli?”. Già, dove “campo va”?

Se resta aggrappata a Pisapia per ottenere un seggio sicuro dovrà buttar giù l’amaro boccone dell’alleanza con Renzi che Piero Fassino sta trattando per conto del Pd.  “Ora ho delle priorità istituzionali, visto che la Camera sta esaminando la Legge di Bilancio, poi farò conoscere le mie scelte. Non è una spy story, è solo questione di priorità istituzionali”, ha detto la presidente della Camera interpellata dai cronisti sulle sue future scelte politiche. Non sarà che sta prendendo tempo per l’ultima offerta di Roberto Speranza che da Mdp, ovviamente senza tirarle la giacchetta, ha rinnovato i complimenti per il suo lavoro (“sarebbe sicuramente una risorsa”, ha dichiarato a Radio24)?