Regioni costano 190 mld (3100 euro a testa). Tagli? 86 poltrone, 10 milioni

di Redazione Blitz
Pubblicato il 8 Giugno 2015 14:37 | Ultimo aggiornamento: 8 Giugno 2015 14:37
Regioni costano 190 mld (3100 euro a testa). Tagli? 86 poltrone, 10 milioni

Regioni costano 190 mld (3100 euro a testa). Tagli? 86 poltrone, 10 milioni (in foto Ilona Staller)

ROMA – Regioni, costano 190 mld (3100 euro a testa). Tagli? 10 poltrone, 10 milioni. I 150 miliardi di euro all’anno di uscite correnti delle Regioni salgono a 190 con investimenti e debito: in pratica, il costo complessivo pesa per 3124 euro per ogni abitante, neonati compresi. E’ qui che c’è un serio e corposo bisogno di forbici taglia spesa, spendere meno per spendere meglio anche perché queste cifre, mentre ci parlano degli importi in relazione alla popolazione (Lazio e Molise le peggiori, Lombardia la più leggera), nulla ci dicono sulla qualità dei servizi offerti.

Tagli allora, spending review, razionalizzazione della spesa… Un mantra, come spesso accade, quando annunci e e progetti di riforma intasano ogni spazio auditivo fino a quando ci si accorge che mancano i decreti attuativi, che la burocrazia frena, che la casta si è messa di traverso ecc… A proposito di casta, le innumerevoli inchieste, pseudo-analisi, vox populi, il dagli addosso al politico, rischiano di naufragare ben al di sotto delle sue ambizioni. Prendiamo i meritori, giustificatissimi tagli ai privilegi dei consiglieri regionali: da questa legislatura sono stati cancellati gli odiati vitalizi e la riforma degli organi regionali ha tagliato ben 86 poltrone, con risparmio annunciato di una decina di milioni di euro.

Il rischio è che il buffetto anti-casta oscuri il tanto da fare, dalle consulenze allegre alle assunzioni clientelari, dai fiumi di denaro alle sacre da strapaese alle non meglio precisate iniziative culturali, alle assegnazioni degli appalti a coop e amici degli amici…L’elenco è troppo lungo. Da qualche parte bisognerà pure iniziare ma, insomma, 10 milioni su 190 miliardi…Much ado for nothing, un pizzicotto alla casta non è una rivoluzione e nemmeno un aperitivo.