Dopo Beppe Grillo ci mancava Vittorio Sgarbi

Pubblicato il 24 luglio 2012 14:03 | Ultimo aggiornamento: 24 luglio 2012 14:03
sgarbi partito rivoluzione

Vittorio Sgarbi (LaPresse)

ROMA – Dopo l’exploit di Beppe Grillo ecco che scende in campo un altro “rivoluzionario”: Vittorio Sgarbi. Che certo non è nuovo alla politica ma si presenta con un suo partito dal nome tra il comico e l’inquietante: “Partito della Rivoluzione”. Che in teoria dovrebbe essere antagonista del Movimento 5 Stelle di Grillo ma che in realtà ne ricalca le promesse.

Infatti qual è il programma lungimirante che propone Sgarbi per l’Italia? Salario minimo e apertura delle scuole due ore più tardi, alle 10. Insomma: soldi e sonno per tutti, sin dalla più tenera età. Sarà una soluzione valida per far uscire l’Italia dalla crisi?

Qualcuno tra l’altro dica a Sgarbi che anche il suo “nemico” Grillo propone un salario minimo per tutti. Ma se il comico genovese non ha fatto sapere a quanto dovrebbe ammontare l’assegno erga omnes, Sgarbi si sbilancia e dà una cifra: mille euro. Un miraggio in un’Italia dove il welfare è da sempre zoppicante.

L’altro pilastro dei “rivoluzionari” di Sgarbi è un pensiero al sonno dei bambini: “Le scuole devono aprire alle 10 di mattina”. In questo l’ex sindaco di Salemi è riuscito a battere anche le promesse di Grillo…

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other