Blitz Blog

YOUTUBE Ciclista non si accorge del secondo treno e…

  • Ciclista non si accorge del secondo treno e6
  • Ciclista non si accorge del secondo treno e5
  • Ciclista non si accorge del secondo treno e4
  • Ciclista non si accorge del secondo treno e3
  • Ciclista non si accorge del secondo treno e
  • Ciclista non si accorge del secondo treno e2
  • Ciclista non si accorge del secondo treno e6
  • Ciclista non si accorge del secondo treno e5
  • Ciclista non si accorge del secondo treno e4
  • Ciclista non si accorge del secondo treno e3
  • Ciclista non si accorge del secondo treno e
  • Ciclista non si accorge del secondo treno e2

LEEDS – Un ciclista prova a passare un passaggio a livello ed è costretto a tornare indietro di corsa per evitare di  essere schiacciato a morte da un treno che sta arrivando a tutta velocità. Accade in Inghilterra a Ducketts, vicino Leeds.

Un uomo apre il passaggio a livello per far passare la bici dopo il passaggio di un primo treno. Il ciclista crede di poter passare, invece arriva un secondo treno a forte velocità che lo costringe a tornare indietro.

La Network Rail e British Transport Police (BTP), come scrive il Daily Mail, ha descritto il filmato come “terrificante”. Su quella tratta passano 127 treni al giorno ad una velocità media di 100 chilometri all’ora: “Questo ciclista è stato fortunato. Purtroppo ci sono molte persone che non sono state così fortunate – spiega la BTP -. Abbiamo dovuto avvertire famiglie della morte dei loro cari, uccisi a incroci o sui binari. Nonostante i nostri continui avvertimenti, alcune persone continuano ad attraversare così, ignorando le istruzioni di attraversamento, senza guardare correttamente o cercando di correre proprio nel momento in cui  i treni si stanno avvicinando”.

Vicki Beadle, responsabile della sicurezza della comunità della Network Rail, spiega che “il filmato mostra quanto vicino alla morte sia stato questo ciclista. La gente deve sapere che una frazione di secondo può avere conseguenze che cambiano la loro vita. Ci devono pensare non solo per se stessi, ma anche per i loro familiari e i loro amici”.

To Top