“Andiamo a confessare”, Don Roberto Fiscer riscrive il tormentone VIDEO

di redazione Blitz
Pubblicato il 18 Agosto 2016 17:44 | Ultimo aggiornamento: 18 Agosto 2016 17:44
"Andiamo a confessare", Don Roberto Fiscer riscrive il tormentone VIDEO

“Andiamo a confessare”, Don Roberto Fiscer riscrive il tormentone

GENOVA – Don Roberto Fiscer è un prete dj che ripropone i tormentoni estivi in chiave religiosa. Il viceparroco della chiesa di San Martino d’Albaro di Genova ha recentemente diffuso su Facebook la sua nuova creazione: si tratta di una personale rielaborazione del brano “andiamo a comandare” di Rovazzi, che nella sua versione diventa “ci andiamo a confessare”. 

Don Roberto, prima di Rovazzi ha riadattato anche brani come”Sofia” di Alvaro Soler che nella sua versione diventa”Eucarestia”. Tutti i brani sembrano funzionare: Don Roberto cambia i testi riadattandoli bene. A seguire il testo di “ci andiamo a confessare”:

“Ho un pensiero nella testa – mi perdonera’?

lui che x salvarmi e’ venuto fin qua!
Occasioni da furfante sono proprio tante
naviga nel fango un cuore di diamante :
“mi vuoi adorare”
io dico “va bene”!
poi me ne accorgo e ce l’ho nel s…
E’ una malattia
e’ pericolosa
dite una preghiera… succeda qualcosa!!
Non sono certo un santo
ma almeno prego!
Con i miei peccati
c’ho messo un freno
quando Dio mi assolve
son quasi in Cielo
con lui porto frutto!
Il peccato ci fa male
ci andiamo a confessare?
anche se c’e un temporale
ci andiamo a confessare
non soltanto per Natale
ci andiamo a confessare
vedo un bel confessionale…
CI ANDIAMO A CONFESSARE!!”

Come scrive Serena Sartini sul Giornale,

“Il sacerdote ha 38 anni, al Giubileo del 2000 si è innamorato delle «consolle alternative», ovvero gli altari, e da famoso Dj è diventato «disc-jockey di Dio»; ha deciso di riscrivere i brani più ascoltati dai giovani in chiave cattolica (…). «L’idea nasce per avvicinare la chiesa ai giovani e viceversa – dice al Giornale don Roberto Fiscer –. Gesù è più giovane e parla un linguaggio giovane. I giovani nella Chiesa devono anche divertirsi. La chiesa non deve dare in appalto a nessun altro quest’opera». Dal sacerdote genovese, molto attivo anche sui social network, anche una stoccata verso le istituzioni. «Invitare a eventi cristiani star del mondo dello spettacolo, come musicisti o comici – dice don Roberto – non credo sia una bella immagine e un bello spot per la chiesa. Abbiamo decine e decine di artisti cristiani di altissimo livello. Non abbiamo bisogno di “nomi”, noi abbiamo già il Nome che è sopra ogni altro nome, che è Gesù»”.

“Sul suo profilo Youtube, don Roberto ha incassato oltre 21mila visualizzazioni dal 31 gennaio 2012. Tra i suoi remake più famosi, troviamo il successone «Ymca» che è diventato «Prega» oppure il famosissimo brano di Jovanotti «Ragazzo fortunato» trasformato in «Ragazzo perdonato»”.

Initialize ads