Beppe Grillo a Genova: “Sarà una lotta all’ultimo sangue”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 22 Novembre 2013 14:16 | Ultimo aggiornamento: 22 Novembre 2013 14:34
Beppe Grillo

Beppe Grillo

GENOVA – “Sarà una lotta all’ultimo sangue”. Beppe Grillo, con queste parole, parla a Genova unendosi alla protesta contro la privatizzazione del trasporto pubblico locale. “La vostra lotta è un segnale importante. È una battaglia epocale che deve partire da qui per estendersi a tutta Italia. Sarà una lotta all’ultimo sangue: ci giochiamo tutto da Genova. Le autostrade, il gas, trasporti, l’acqua, sono un bene pubblico e nessuno deve arrogarsi il diritto di venderli ai privati”.

Venerdì mattina lavoratori e sindacati si sono riuniti a migliaia nella Sala Chiamata del Porto del capoluogo ligure. Poi sono tornati in corteo, nel quarto giorno consecutivo di sciopero. Alle 13 sono stati raggiunti da Beppe Grillo. “Questa protesta riguarda i lavoratori di Amt, che si devono unire agli altri, a quelli di Fincantieri, di Iren, in una battaglia comune”, ha detto Beppe Grillo dialogando con alcuni lavoratori di Amt mentre passava sotto il teatro Carlo Felice di Genova, lasciando piazza De Ferrari dove è giunto il corteo dei manifestanti delle partecipate comunali che protestano contro l’ipotesi di privatizzazione. Mentre camminava alcuni manifestanti hanno anche offerto della focaccia al leader del Movimento 5 Stelle.

Dopo il suo intervento Grillo è stato contestato, ma i cori di protesta sono stati indirizzati soprattutto al sindaco Marco Doria.