Camera, M5s denuncia: “Marattin del Pd ha aggredito un nostro deputato” VIDEO

di redazione Blitz
Pubblicato il 15 febbraio 2019 11:44 | Ultimo aggiornamento: 15 febbraio 2019 11:50
camera m5s contro pd

Camera, M5s denuncia: “Marattin del Pd ha aggredito un nostro deputato”

ROMA – Alcuni esponenti del Partito Democratico e del Movimento 5 Stelle sono quasi arrivati alle mani durante una bagarre alla Camera in cui si stava discutendo l’esame della proposta di legge costituzionale sul referendum.

E Alberto Zolezzi di M5s denuncia: “Davide Marattin del Pd si è avvicinato a me offendendomi a muso duro, tirandomi due schiaffi ed dicendo frasi che per pudore evito di riportare”. Il deputato dem si è difeso dicendo di essere soltanto andato a dire a Zolezzi che non poteva fare delle riprese in Aula. Vedendo il video pubblicato in fondo all’articolo, si vede Marottin che va a parlare col deputato grillino. Marattin però dà solo due buffetti a Zolezzi dopo avergli detto qualcosa all’orecchio. 

Tutto comincia dopo che il Pd abbandona l’Aula per protesta contro il gesto delle manette fatto da Giuseppe D’Ambrosio di M5S che polemizza sul modo di selezione della classe dirigente da parte di Forza Italia e del Pd e si rivolge al dem Gennaro Migliore facendo il gesto delle manette. 

I deputati del Pd ne chiedono l’espulsione dall’Aula o quanto meno le scuse con Fiano che dice che il Pd è pronto a lasciare l’aula. I dem cominciano a lasciare l’aula e Fico dice loro “arrivederci”. I deputati del Pd non ci stanno e prima urlano al presidente “Arrivederci a chi? Come si permette? È intollerabile!”. Poi virano dalla porta dell’Emiciclo e vanno “all’assalto” del banco della presidenza per protestare. Uno di loro fa volare a calci le sedie del governo, e Davide Gariglio lancia dei fascicoli contro il presidente: Fico non viene colpito la commessa alle sue spalle sì. A quel punto, il segretario generale Lucia Pagano consiglia di sospendere la seduta, mentre le urla non si placano. 

Durante questo “assalto alla presidenza”, in Aula si consuma lo scontro tra il deputato democratico e quello grillini. Davide Marattin viene visto andare verso Alberto Zolezzi (M5S), il quale riprende la scena con il suo cellulare. “Improvvisamente – racconta Zolezzi – si è avvicinato a me offendendomi a muso duro, tirandomi due schiaffi ed dicendo frasi che per pudore evito di riportare..”.

Ma Marattin si difende: “Aggressione? Sono andato a dirgli che secondo il regolamento non può fare riprese, e ho ricevuto in cambio i soliti insulti che da 15 minuti ci stavano rivolgendo, con lo scandaloso beneplacito del Presidente Fico”.

Ma i pentastellati non ci stanno, e chiedono a carico del collega dem il massimo delle sanzioni: “il suo labiale è inequivocabile“, dicono pubblicando in rete un video. A freddo poi torna la ragionevolezza: “Mi fa piacere aver ricevuto una lettera di scuse da parte del deputato del Pd che ha lanciato dei fascicoli contro la presidenza”, fa sapere lo stesso Roberto Fico. 

Agenzia Vista di Alexander Jakhnagiev pubblica il video in cui Marattin si avvicina a Zolezzi.