Charlie Hebdo, vignettista Luz: “Ho disegnato ancora Maometto, ho pianto”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 13 Gennaio 2015 17:10 | Ultimo aggiornamento: 13 Gennaio 2015 17:13
Charlie Hebdo, vignettista Luz: "Ho disegnato ancora Maometto, ho pianto"

Charlie Hebdo, vignettista Luz: “Ho disegnato ancora Maometto, ho pianto”

ROMA – “Il nostro Maometto è simpatico. E’ il mio personaggio, esiste nella mia matita, esiste quando lo disegno”: così il vignettista Luz, autore della copertina con Maometto del primo numero di Charlie Hébdo in edicola mercoledì dopo l’attacco della scorsa settimana, ha spiegato la sua decisione. Ad un certo momento Luz è scoppiato in lacrime.

“Maometto è il mio personaggio, un personaggio che ci ha permesso di essere trattati come grandi cavalieri bianchi della libertà di stampa; ma anche da pericolosi, irresponsabili, provocatori…”, ha continuato. “Ma noi siamo disegnatori, amiamo disegnare: tutti hanno disegnato, come ogni bambino, ma a un certo punto hanno perso la capacità di guardare al mondo da una certa distanza. Fare Charlie è guardare al mondo con una certa distanza. Ho disegnato Maometto e poi ho scritto `Io sono Charlie´. L’ho guardato e ho aggiunto: `Tutto è perdonato´. Poi ho pianto. Avevo trovato la soluzione… Ed era la nostra soluzione, non era tutto quello che gli altri volevano che noi facessimo”.