Marsala, spedizioni punitive contro migranti, 3 arresti: “Vi ammazziamo, qui non dovete stare” VIDEO

di redazione Blitz
Pubblicato il 1 Ottobre 2020 11:35 | Ultimo aggiornamento: 1 Ottobre 2020 12:07
marsala aggressioni razziste

Marsala, spedizione punitive contro migranti, 3 arresti: “Vi ammazziamo, qui non dovete stare” (foto Ansa da video)

Cittadini extracomunitari picchiati nel centro di Marsala durante i weekend. Arrestate tre persone che facevano parte di un vero e proprio “commando”. 

Cittadini extracomunitari massacrati di botte dal “branco” soltanto per odio razziale. Tre persone sono state arrestate a Marsala, provincia di Trapani.

Ad organizzare i raid sarebbe stato un “branco” che per gli inquirenti agiva nel centro storico di Marsala durante i weekend.

Si tratta di un vero e proprio “commando” a caccia di povere vittime di colore da aggredire.

Tre le persone arrestate dagli agenti del commissariato, coadiuvati dai colleghi della Digos della Questura di Trapani e del reparto prevenzione crimine di Palermo, in esecuzione di una misura di custodia cautelare in carcere emessa dal gip su richiesta della Procura.

Arrestate 3 persone con accuse di violenza privata, minaccia, lesioni personali

Le persone hanno 18, 24 e 34 anni. Sono accusati, a vario titolo, di violenza privata, minaccia, lesioni personali.

I reati erano aggravati, secondo gli investigatori, dall’uso di corpi contundenti.

I cittadini extracomunitari, a Marsala venivano picchiati con “efferatezza e spietatezza e per finalità di discriminazione o di odio etnico razziale”.

Il provvedimento cautelare è giunto al culmine di una complessa attività di indagine su alcune aggressioni avvenute nel centro di Marsala durante l’estate.

Per gli inquirenti sarebbero stati “veri e propri raid punitivi nei confronti di inermi cittadini extracomunitari che subivano senza alcuna apparente ragione le violenze fisiche e verbali del gruppo criminale”.

Il “branco” colpiva le vittime con pugni, calci e ginocchiate e usava armi improprie procurate al momento come sedie in legno, tavolini, bottiglie di vetro e suppellettili varie.

Per gli inquirenti il branco sarebbe stato “accecato da una rabbia bestiale, immotivata, resa ancor più deplorevole dalle frasi che inneggiano all’odio razziale”.

Frasi come “siete africani di me**a… non dovete più parlare perché siete di colore… noi vi ammazziamo, qui non avete il diritto di stare…”.

Marsala, diverse persone nella squadra punitiva

Il gruppo, numeroso secondo gli investigatori, agiva come una vera e propria squadra punitiva contro chiunque si fosse opposto ai loro commenti, come nel caso di un commerciante che in una circostanza prese le difese di una vittima che tentava di sottrarsi agli aggressori.

Intimorite dalla ferocia del gruppo criminale, nessuna delle vittime ha collaborato alle indagini, alcuni hanno pure rinunciato alle cure mediche.

I tre arrestati fanno parte dei tifosi ultras degli “street boys/nucleo ribelle” del Marsala Calcio e già sottoposti a Daspo.

Nel corso della perquisizione in casa di uno degli arrestati, la polizia ha trovato una pistola semiautomatica priva di tappo rosso con relativo caricatore e cartucce a salve.

Le indagini proseguono per risalire agli altri componenti del branco (fonte: Ansa, Agenzia Vista /Alexander Jakhnagiev).