Conte, proteste dei genitori della scuola del figlio: “Apertura farsa: lezione in classe solo 2 giorni a settimana”

di redazione Blitz
Pubblicato il 17 Settembre 2020 14:48 | Ultimo aggiornamento: 17 Settembre 2020 14:48
Conte, i genitori della scuola del figlio: "Apertura farsa: lezione in classe solo 2 giorni a settimana"

Conte, i genitori della scuola del figlio: “Apertura farsa: lezione in classe solo 2 giorni a settimana”

I genitori della scuola media del figlio del premier Conte: “Apertura farsa: lezione in classe solo uno o due giorni a settimana. Il resto da casa”

Una scuola che permette agli allievi di frequentare un giorno o due a settimana: per il resto, lezioni da casa, come durante il lockdown. E’ quel che accadrebbe alla scuola media dell’elegante quartiere Prati di Roma frequentata dal figlio del presidente del Consiglio Giuseppe Conte. 

Lo hanno denunciato alcuni genitori alle telecamere del Fatto Quotidiano. “Il 14 settembre è venuto qua il presidente del Consiglio perché hanno iniziato le terze medie, ha annunciato la ripresa della scuola ma è stata una passerella perché di fatto la scuola non è ripresa. Ad oggi non viene garantito il diritto allo studio dei ragazzi, mia figlia andrà a scuola una volta a settimana per quattro ore”, dice una madre.

La denuncia dei genitori

“La scuola non è ripresa. Lamentiamo una enorme carenza di comunicazione da parte della scuola e a livello generale una profonda disorganizzazione. Ad oggi non viene garantito il diritto allo studio dei ragazzi. Mia figlia in seconda media è andata a scuola una volta e andrà a scuola una volta a settimana, quattro ore”, spiega ancora. 

E un’altra madre aggiunge: “La richiesta è che questa organizzazione che prevede turni di uno o due giorni a settimana venga subito rivista e che sia prevista una soluzione che dia la possibilità ai ragazzi di stare a scuola tutti i giorni, anche con un orario ridotto. E chiediamo che, se ci sono delle cattedre vacanti, questi vuoti vengano colmati con l’ausilio dei molti professori di ruolo che questa scuola ha”. 

Le parole di Conte

Il premier Conte è intervenuto sul caso: “Proteste nella scuola di mio figlio? L’ho accompagnato, spero che sia entrato”, ha detto ai giornalisti. (Fonti: Il Fatto Quotidiano, Agenzia Vista/Alexander Jakhnagiev