Conte: “Scuole chiuse fino a settembre ma assumeremo 24mila precari” VIDEO

di redazione Blitz
Pubblicato il 27 Aprile 2020 13:19 | Ultimo aggiornamento: 27 Aprile 2020 13:20
conte su scuola e precari

Conte: “Scuole chiuse fino a settembre ma assumeremo 24mila precari”

ROMA – Durante la conferenza stampa sulla fase 2, Conte spiega che le scuole nom riapriranno prima di settembre per evitare di far saltare il cosiddetto “rischio calcolato”.

“Però attenzione, rimaniamo inerti? ” spiega ancora Conte. Che poi aggiunge: “Assolutamente no. La minstra Azzolina sta lavorando per far ripartire le scuole a settembre in modo sicuro”.

Conte, dopo aver ringraziato tutto il comparto della scuola, prosegue: “Le attività a distanza stanno funzonando mediamente bene. Azzolina dovrà decidere se fare gli esami di Stato in conferenza personale”.

Ancora il premier: “Un altro messaggio voglio però lanciare. Il Governo ha preso un impegno preciso. Quello di far assumere 24mila precari e 36mila giovani aspiranti”. 

Ministra Azzolina: “Esami di maturità in presenza, c’è l’ok del comitato”.

La ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina sembrerebbe aver sciolto in maniera definitiva le riserve sugli esami di maturità.

Su Facebook, la minsitra spiega: “Lavoriamo sugli Esami del secondo ciclo in presenza. Siamo convinti di poterli garantire in sicurezza, il comitato tecnico-scientifico ci ha dato il via libera”.

Anche la Azzolina ha poi parlato dei precari da assumere:”In queste settimane il Governo non ha mai smesso di pensare alla scuola e non lo farà mai. Anche per questo vogliamo assumere, per il prossimo anno scolastico, più docenti possibili, a partire dai precari”.

Sulla riapertura: “Tutti gli scenari elaborati dal comitato tecnico-scientifico sconsigliano la riapertura delle scuole, se non vogliamo vanificare gli sforzi fatti da milioni di italiani e mettere a rischio la salute di tanti”.

“Da Ministra dell’Istruzione è un grande dolore, per me, dover tenere le scuole chiuse. Ma ce lo impone il senso di responsabilità. Per ripartire, domani, più forti”.

La Azzolina conclude:”Occorre lavorare rapidamente per settembre. Lo stiamo facendo. Presto avremo le prime proposte” (fonte: Ansa, Agenzia Vista /Alexander Jakhnagiev).