Curdi sbarcano in Calabria, gli scafisti se ne vanno in hotel VIDEO

di redazione Blitz
Pubblicato il 11 gennaio 2019 12:32 | Ultimo aggiornamento: 11 gennaio 2019 12:32
Curdi sbarcano Calabria

Curdi sbarcano in Calabria, gli scafisti se ne vanno in hotel

CROTONE – I carabinieri della compagnia di Cirò Marina hanno arrestato i due scafisti che giovedì 10 gennaio hanno condotto l’imbarcazione a vela arenatasi davanti alla costa di Torre Melissa, in provincia di Crotone, e sulla quale c’erano 51 persone. Si tratta di due russi, di 43 e 25 anni, che sono stati arrestati in un vicino hotel dove avevano preso alloggio per cercare di sfuggire alla cattura. A farli arrestare è stato il portiere dell’hotel che, dopo averli fatti salire in camera, ha chiamato i Carabinieri.

Hanno rischiato di morire a pochi metri dalla terraferma e se sono salvi lo devono a decine di semplici cittadini che non ci hanno pensato un momento a gettarsi in mare per portarli al sicuro. E’ quanto è accaduto a 51 migranti di etnia curda che – sicuramente ignari delle polemiche politiche sugli sbarchi e della sorte di loro simili che su navi Ong hanno vagato per settimane nel Mediterraneo e sono arrivati all’alba sulla costa crotonese. Il primo sbarco del 2019 in Italia, su una rotta, quella balcanica, che, di fatto, è sempre andata avanti senza subire fermate.

Una rotta su cui navigano prevalentemente piccole barche a vela che riescono, per dimensioni e forgia – sembrano navi di croceristi – a sfuggire ai controlli delle forze dell’ordine. Un flusso praticamente ininterrotto che porta a riva piccole quantità di essere umani, provenienti prevalentemente dalla Turchia, dal Medio Oriente o dal Sud est asiatico

5 x 1000

Nonostante gli sforzi e la generosità degli abitanti del posto, però, uno dei migranti è stato inghiottito dai flutti e adesso risulta disperso.  La barca sulla quale viaggiavano i 51 migranti – tra loro sei donne, tre bambini ed un neonato – si è incagliata a pochi metri dalla costa, nei pressi di un albergo, dopo essere stata abbandonata dagli scafisti e si è rovesciata su un lato.

Agenzia Vista di Alexander Jakhnagiev pubblica il video dei presunti scafisti, ripresi da una telecamera di sorveglianza dell’hotel in cui si sono rifugiati dopo lo sbarco.