In tv parla della violenza dei No Tav. Dopo 2 ore gli bruciano l’azienda

di Redazione Blitz
Pubblicato il 12 settembre 2013 14:23 | Ultimo aggiornamento: 12 settembre 2013 14:24
In tv parla della violenza dei No Tav. Dopo 2 ore gli bruciano l'azienda

Ferdinando Lazzaro

ROMA – Va in tv a parlare della violenza con cui agiscono i No Tav e tempo 2 ore gli stessi No Tav gli bruciano l’azienda. La storia è quella dell’imprenditore Ferdinando Lazzaro, uno dei titolari dell’azienda Italcoge, che si trova proprio in Val di Susa. Ma non è la prima volta che Lazzaro subisce episodi di questo tipo. Già in passato aveva infatti subito altre aggressioni, sempre per mano dei No Tav.

“Un’escalation di violenza che fa male non solo a noi imprenditori ma a tutta la Val di Susa. E soprattutto al movimento No Tav”, è il commento di Lazzaro dopo l’ennesimo attentato.

Era circa l’una di notte quando qualcuno ha dato fuoco a un cassone contenente materiale plastico, tentando di incendiare le gomme di una pala meccanica: appena due ore prima l’imprenditore era ospite della trasmissione “Virus”, in onda su Rai 2, dedicata in parte alla situazione in Val di Susa. “Andare avanti in queste condizioni è sempre più difficile”, aggiunge Lazzaro. “Di più non riesco a dire”.

“La più classica delle ritorsioni, in perfetto stile mafioso“, commenta il senatore Stefano Esposito (Pd), tra i più attivi contro il movimento No Tav. “Credo sia necessario che il ministro Lupi estenda le tutele antimafia anche alle imprese della Valsusa”.

Delinquenti che compiono azioni terroristiche“, ha quindi detto il ministro delle Infrastrutture e dei trasporti, Maurizio Lupi. “Stiamo collaborando con la Procura di Torino e con il procuratore Caselli perché queste minoranze violente vengano isolate. Il loro ricorso alla violenza è il segno che sono già sconfitti”.