YOUTUBE Festa della Polizia, messaggio Mattarella: ”Gratitudine per opera a presidio libertà”

di redazione Blitz
Pubblicato il 10 aprile 2018 13:16 | Ultimo aggiornamento: 10 aprile 2018 13:16
Festa polizia, messaggio Mattarella

Festa della Polizia, messaggio Mattarella: ”Gratitudine per opera a presidio libertà”

ROMA – “I sentimenti di gratitudine dell’intera comunità nazionale per l’opera svolta a presidio della libertà e della legalità” vengono espressi dal presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, in un messaggio inviato al capo della Polizia, Franco Gabrielli, in occasione del 166esimo anniversario della fondazione del Corpo.

Tutte le notizie di Blitzquotidiano in questa App per Android. Scaricatela qui

Tutte le notizie di Ladyblitz in questa App per Android. Scaricatela qui

“Nella sua esperienza al servizio delle istituzioni – scrive Mattarella – la Polizia di Stato ha saputo dare valore ai cambiamenti che, con la Repubblica, l’hanno collocata a fianco dei cittadini ed oggi può affrontare le sfide della complessità con moderni assetti organizzativi e un patrimonio di culture, competenze, metodologie in continuo affinamento”.

“L’azione di prevenzione e contrasto della minaccia terroristica – prosegue il capo dello Stato – ha potuto così avvalersi dell’impiego di modelli, tecnologie e strumenti di alto livello, significativi anche per garantire la sicurezza degli spazi cibernetici e reprimere i nuovi delitti che vi si perpetrano, da quelli più vili ai danni di deboli e minori, a quelli particolarmente insidiosi e sofisticati contro l’economia, la fede pubblica, la sicurezza di istituzioni e aziende”. Mattarella sottolinea poi l’impegno della polizia per il “regolare e ordinato svolgimento di eventi e manifestazioni pubbliche” e per la “gestione dei fenomeni migratori che vede la Polizia impegnata a tutelare i diritti delle persone e delle comunità, facendo prevalere il pieno rispetto della legalità da parte di chi è accolto, sia di chi accoglie, contrastando ogni forma di violenza, sfruttamento e discriminazione”.