Filippine, 300mila sfollati per inondazioni: 23 morti in 4 giorni

Pubblicato il 9 agosto 2012 16:07 | Ultimo aggiornamento: 9 agosto 2012 16:11

[jwplayer config=”Blitz20120621″ mediaid=”1320487″]

Filippine MANILA (FILIPPINE) – Nonostante un lieve miglioramento del tempo, il numero delle persone sfollate a causa delle piogge monsoniche e inondazioni che hanno colpito nei giorni scorsi Manila, capitale delle Filippine, è aumentato a circa 300mila. Ieri molte persone erano rientrate nelle loro case solo per tornare poco dopo nei circa 500 centri di evacuazione a causa di nuove precipitazioni che si sono verificate nella notte. Almeno 23 persone sono morte da domenica a causa del maltempo. Le scuole sono rimaste chiuse per tutta la settimana e le autorità hanno dichiarato lo stato di calamità naturale nella città.

Secondo l’agenzia filippina per la risposta alle emergenze, quasi 2 milioni di persone sono rimaste colpite dalle inondazioni. Soccorritori a bordo di gommoni stanno attraversando le strade allagate per assistere le migliaia di persone intrappolate nelle loro case lungo il fiume Mirikina. “La gente è realista”, ha commentato Abner Perdosa della polizia. “Ora che il livello dell’acqua è di nuovo alto – ha spiegato – le persone ci chiamano e chiedono di essere portate via”. Secondo l’ufficio meteorologico del governo, il tempo dovrebbe continuare a migliorare nel corso della giornata.