Galantino lascia M5s e passa con FdI. A Montecitorio scoppia la rissa: “Venduto” VIDEO

di redazione Blitz
Pubblicato il 10 Ottobre 2019 11:20 | Ultimo aggiornamento: 10 Ottobre 2019 13:51

Galantino lascia M5s e passa con FdI: a Montecitorio scoppia la rissa:

ROMA – Quando la presidente di turno della Camera, Maria Edera Spadoni, ha annunciato il passaggio dal M5s a Fratelli d’Italia dell’ex grillino Davide Galantino, alcuni 5 stelle si sono avvicinati al neo deputato di FdI urlandogli “venduto”. Ne è nato un momento di confusione: a rimetterci è stato il deputato leghista Giuseppe Basini, che dopo essere intervenuto per calmare gli animi è caduto ed ha sbattuto la testa.

Malgrado la sospensione della seduta, nei corridoi di Montecitorio la rissa è proseguita con urla e spinte che hanno costretto i commessi ed anche alcuni deputati tra cui quello del Pd Emanuele Fiano, a intervenire. Leonardo Donno (M5s) ha poi spiegato di aver “gridato ‘venduto’ [a Galantino] perché ha tradito il nostro gruppo, doveva andarsene a casa”.

Galatino ha lasciato il M5S già nel luglio scorso, passando al gruppo misto alla Camera. Prima di lui, nella scorsa legislatura, aveva lasciato le file del movimento per entrare nel partito di Giorgia Meloni il deputato Walter Rizzetto, per lungo tempo tra le voci più critiche del M5S.

Queste le sue parole dopo il passaggio a Fratelli d’Italia: “Le buone maniere ed il rispetto non sono di casa nei 5 stelle. Le mie dichiarazioni in Aula devono aver procurato loro qualche disagio. Non ho più parole per descrivere certi personaggi, il mio unico rammarico è il non aver compreso la loro vera essenza prima di arrivare a Roma. Il paradosso è che l’esperienza più brutta della mia vita mi ha portato in Parlamento, dove posso, nonostante tutto, portare avanti le battaglie intraprese da libero cittadino”.

“Ieri – spiega – ho votato il taglio dei parlamentari riducendo le mie stesse possibilità di essere rieletto. Per questo, se la mia esperienza politica deve terminare, voglio che si concluda da patriota. Ringrazio la Presidente di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni e Marcello Gemmato, il deputato della regione Puglia, per avermi concesso questa opportunità. La mia unica richiesta prima di aderire al gruppo parlamentare è stata quella di poter continuare ad occuparmi del settore Difesa con la certezza che la valorizzazione delle donne e degli uomini che ogni giorno lavorano per la nostra sicurezza è intrinseca nel Dna del nuovo gruppo”.

Fonte: AdnKronos, Il Fatto Quotidiano, Ansa, Agenzia Vista /Alexander Jakhnagiev