Graduatorie provinciali scuola, da oggi al via le procedure telematiche per l’inserimento delle domande VIDEO

di redazione Blitz
Pubblicato il 22 Luglio 2020 15:22 | Ultimo aggiornamento: 22 Luglio 2020 19:23
Graduatorie provinciali, da oggi al via le procedure telematiche per l'inserimento delle domande VIDEO

Graduatorie provinciali, da oggi al via le procedure telematiche per l’inserimento delle domande

Scattano a partire da oggi, 22 luglio, le procedura per l’inserimento nelle Graduatorie provinciali e di istituto per le Supplenze.

Chi aspira ad accedere alle Graduatorie provinciali e di istituto per le supplenze potrà presentare domanda a partire dalle ore 15:00 di mercoledì 22 luglio 2020 fino alle ore 23:59 del 6 agosto.

Si potrà richiedere di partecipare alla procedura in un’unica provincia. Lo prevede il decreto del Ministero dell’Istruzione. 

La procedura solo telematica

L’inserimento delle domande avverrà unicamente per via telematica. Da quest’anno, infatti, la procedura per la formazione delle Graduatorie provinciali e di istituto per l’assegnazione delle supplenze è interamente digitalizzata, con un sistema che ha l’obiettivo di consentire una più rapida assegnazione delle cattedre che restano vuote dopo le assunzioni in ruolo, a garanzia di un migliore avvio dell’anno scolastico.

Si potrà presentare domanda attraverso l’applicazione “Istanze on Line (POLIS)”. Sarà necessario possedere le credenziali SPID, o in alternativa, un’utenza valida per l’accesso ai servizi presenti nell’area riservata del Ministero con l’abilitazione specifica al servizio “Istanze on Line (POLIS)”.

Il post su Facebook della ministra Azzolina

La novità è stata annunciata dalla ministra Lucia Azzolina con un video su Facebook: “Ci siamo. Da domani partono le domande per l’inserimento nelle graduatorie provinciali per le supplenze. Quelle che servono per coprire i posti che restano vuoti dopo le assunzioni. Finalmente si cambia sistema. Facciamo sparire la carta e digitalizziamo tutto, alleggerendo il lavoro degli uffici e delle scuole e garantendo una procedura più rapida agli insegnanti. L’ultima volta che le graduatorie sono state aggiornate il Ministero e le scuole hanno dovuto gestire un milione di domande cartacee. È una rivoluzione importante. Il digitale ci aiuta non solo a rispettare di più l’ambiente, ma anche a velocizzare i processi, a tenere le procedure in ordine, a fare meglio i controlli, soprattutto ad assegnare più velocemente le cattedre ai supplenti”. (Fonti: Ansa, Facebook, Agenzia Vista/Alexander Jakhnagiev)