Gregoretti, Salvini: “Legambiente mi denuncia per sequestro di persona. Rischio 15 anni ma non mollo” VIDEO

di redazione Blitz
Pubblicato il 31 Luglio 2019 14:52 | Ultimo aggiornamento: 31 Luglio 2019 14:54
salvini parla della Gregoretti

La diretta Facebook di Salvini sulla Gregoretti

ROMA – Matteo Salvini parla della vicenda legata alla nave della Guardia Costiera italiana Gregoretti in una diretta Facebook.

Il vicepremier ironizza sulla denuncia per sequestro di persona anunciata da Legambiente Sicilia dicendo che gli mancava una denuncia da parte di Legambiente. Salvini spiega che per sequestro di persona si rischiano 15 anni di carcere e rilancia la linea dura che prevede la chiusura dei porti. Poi conclude dicendo di non voler mollare.

Nel video, Salvini parla poi dell’autorizzazione concessa alla nave Gregoretti che potrà finalmente far sbarcare i 116 profughi che ha a bordo: “Nelle prossime ore darò l’autorizzazione allo sbarco perché abbiamo la certezza che i migranti non saranno a carico dei cittadini italiani”.

Il ministro dell’Interno Matteo Salvini annuncia che il problema della Gregoretti è risolto. Cinque paesi, “Germania, Francia, Irlanda, Lussemburgo e Portogallo, più alcune strutture dei vescovi italiani – aggiunge nel video – si faranno carico di questi 116 migranti”. Il vicepremier 

I migranti che si trovano dal 25 luglio scorso sul pattugliatore ormeggiato al pontile Nato della Marina militare nella rada di Augusta in Sicilia.

Un’ora prima dell’autorizzazione era stato fatto scendere, autorizzato dal questore Gabriella Ioppolo, per ragioni sanitarie, un migrante affetto da tubercolosi e trasferito in ospedale. I 115 migranti saranno trasferiti all’hot spot di Pozzallo.

Legambiente denuncia Salvini per sequestero di persona

“Non accettiamo l’idea di abituarci a tutto, anche alle scelte politiche inconcepibili e oltre ogni legge e ordinamento, come quella di costringere in condizioni igienico-sanitarie pessime, da 5 giorni, con un solo bagno, 116 esseri umani su una nave italiana che li ha salvati da un sicuro naufragio ed è già ormeggiata in un porto del Paese. È una mostruosità, che non può passare sotto silenzio e restare impunita. Ecco perché stiamo presentando un esposto alla Procura di Siracusa per denunciare il ministro degli Interni di sequestro di persona”. Lo scrive in una nota il presidente di Legambiente Sicilia, Gianfranco Zanna.

“Chiediamo, contestualmente, allo stesso ufficio giudiziario di intervenire subito – aggiunge – e ordinare l’immediato sbarco di questi poveri disgraziati. Vediamo se anche questa volta Salvini fuggirà, con la sua arroganza, dalle aule giudiziarie per non farsi processare e rispondere della sua indecenza nel ‘trattamento inumano e degradante’ (è la definizione delle convenzioni internazionali) di uomini e donne in carne e ossa e che hanno subito violenze di ogni tipo. È una vergogna che tutti stiano in silenzio”

Fonte: Ansa, Agenzia Vista /Alexander Jakhnagiev