Incidente Bologna, le chiamate al 118: ”Ci sono delle esplosioni” VIDEO

di redazione Blitz
Pubblicato il 8 agosto 2018 13:26 | Ultimo aggiornamento: 8 agosto 2018 13:28
Bologna, video esplosioni

Incidente Bologna, le chiamate al 118: ”Ci sono delle esplosioni”

BOLOGNA – Subito dopo l’incidente di Borgo Panicale e la successiva esplosione [App di Blitzquotidiano, gratis, clicca qui,- Ladyblitz clicca qui –Cronaca Oggi, App on Google Play] che ha coinvolto decine di persone, in molti hanno chiamato il 118 e i numeri di emergenza per segnalare delle esplosioni.

Agenzia Vista di Alexander Jakhnagiev pubblica un filmato in cui si sentono gli operatori dei numeri di emergenza rispondere alle chiamate.

Andrea Anzolin è l’autista dell’autocisterna che trasportava 23mila chili di GPL. Secondo gli inquirenti, a quanto pare, non è stato un colpo di sonno a causare il tamponamento ma una distrazione forse provocata dall’utilizzo del cellulare.

Anzolin è l’unica vittima di questa tragedia. Poco prima del tamponamentob  era passato indenne attraverso un altro ingorgo. E l’ingorgo era stato superato agilmente tra tante frenate e altrettante piccole accelerazioni. Anzolin si sarebbe distratto, secondo la polstrada, forse al cellulare.

Andrea Anzolin era partito alle 4 del mattino da Alonte, un piccolo paesino in provincia di Vicenza. Paesino dove la ditta di cui era dipendente gestisce un grande deposito. A Livorno Anzolin si ferma e si riposa per due ore. “Sono a Livorno, fin qui tutto ok” scrive alle 8.30.

Alle 10.30 chiama l’azienda: “La cisterna è carica, ho ricevuto i documenti per il trasporto. Parto subito”. Poi l’arrivo a Bologna. “Non era stanco, aveva riposato per due giorni di seguito, sabato e lunedì” dicono i dipendenti della LORO SPA. Anzolin, d’altronde, era considerato un conducente esperto con alle spalle più di dieci anni di lavoro. L’arrivo in Veneto era previsto per le 15,30.