Lauriano (Torino), villa trasformata in un bunker per produrre droga VIDEO

di redazione Blitz
Pubblicato il 23 Agosto 2019 13:31 | Ultimo aggiornamento: 23 Agosto 2019 13:49
Il raid dei carabinieri

Il raid dei carabinieri

LAURIANO (TORINO) – Una villa trasformata in un bunker per produrre droga: è quel che, secondo quanto scoperto dai carabinieri, avrebbero fatto due italiani di 33 e 37 anni, che sono stati arrestati. Le accuse nei loro confronti sono di produzione di sostanze stupefacenti e furto di energia elettrica.

La villa adibita a bunker, a Lauriano (Torino), era protetta da un cancello alto circa due metri e da un impianto di videosorveglianza con telecamere che controllavano ogni angolo dell’edificio. Un vero e proprio fortino che i carabinieri hanno espugnato dopo avere fermato uno dei trafficanti fuori dalla cinta esterna.

Si trattava di uno stabile di due piani composto da nove stanze, con pareti rivestite con fogli d’alluminio rifrangente. Sette stanze erano adibite alla coltivazione di stupefacente con sistema di climatizzazione e due all’essicazione con lampade riscaldanti.

I carabinieri hanno sequestrato 1.264 piante di marijuana, di cui 803 recise, 38 chili di infiorescenze, lampade di riscaldamento da 600 watt, ventilatori e un impianto di climatizzazione alimentato da 8 motori con allaccio abusivo a un traliccio.

Fonti: Ansa, Agenzia Vista/Alexander Jakhnagiev