M5s, Di Maio: “Espulsione Giulia Sarti atto doveroso. Manca solo ok dei probiviri” VIDEO

di redazione Blitz
Pubblicato il 27 febbraio 2019 16:21 | Ultimo aggiornamento: 27 febbraio 2019 16:21
m5s di maio espulsione

M5s, Di Maio: “Espulsione Giulia Sarti atto doveroso. Manca solo ok dei probiviri”

ROMA – Le dimissioni di Giulia Sarti dalla presidenza della Commissione Giustizia della Camera sono un “atto doveroso”. Lo dice il vicepremier, Luigi Di Maio, spiegando che per quanto riguarda l’espulsione dal Movimento si dovrà attendere la valutazione dei probiviri. “Credo – aggiunge Di Maio – che l’espulsione sia doverosa”. 

Andrea Tibusche Bogdan, meglio conosciuto come Andrea De Girolamo sta intanto valutando azioni penali e civili nei confronti dell’ex fidanzata Giulia Sarti. Lo ha annunciato il difensore del 38enne salernitano di origine romena, avvocato Mario Scarpa, il giorno dopo la notizia della richiesta di archiviazione della Procura di Rimini nei confronti del suo assistito che era stato denunciato dalla Sarti per appropriazione indebita.

Una vicenda nata nel febbraio 2018 legata ai mancati rimborsi delle indennità parlamentari, quando il nome della Sarti era comparso nell’elenco della trasmissione televisiva “Le Iene”.
“Il mio assistito ha subito un danno rilevante da questa vicenda – ha detto, interpellato telefonicamente dall’Agi, l’avvocato Scarpa – perché ha perso alcune opportunità di lavoro ed ha dovuto allontanarsi da Roma”.

Bogdan “è comprensibilmente risentito – ha sottolineato il legale del 38enne tecnico informatico – e non è tanto dell’idea di lasciar perdere”. Al momento “stiamo valutando l’ipotesi di una denuncia per calunnia” nei confronti della Sarti o di “proporre – ha detto ancora il difensore di Andrea De Girolamo – un’azione civile per risarcimento danni”.

Attualmente, comunque, non è stata presa ancora alcuna decisione ufficiale su eventuali azioni da intraprendere: “con il mio cliente – ha concluso il legale – ci siamo scambiati email ed alcune telefonate ma non ci siamo ancora visti perche’ non si trova a Rimini. Dopo aver incontrato il mio assistito valuteremo insieme eventuali iniziative”. Intanto si attende la decisione del gip che dovra’ pronunciarsi sulla richiesta di archiviazione della Procura a carico di Bogdan.

Fonte: Ansa

Fonte: Agi

Fonte video: Agenzia Vista /Alexander Jakhnagiev