Marcello De Vito arrestato per corruzione. Nel 2016: “Colpiremo la corruzione che fa campare i partiti” VIDEO

di Lorenzo Briotti
Pubblicato il 20 marzo 2019 11:38 | Ultimo aggiornamento: 20 marzo 2019 13:51
marecello de vito m5s

M5s, Marcello De Vito arrestato. Nel 2016 diceva: “Colpire la corruzione con cui i partiti hanno campato”

ROMA – Il presidente dell’Assemblea capitolina Marcello De Vito (M5s) è stato arrestato insieme ad altre tre persone nell’ambito dell’inchiesta sulla realizzazione del nuovo stadio della Roma. L’accusa è di aver preso tangenti.

De Vito, nel febbraio 2016 si era presentato ai romani con un video (visibile in fondo all’articolo) in cui diceva di voler “colpire la corruzione con cui i partiti hanno campato per anni”.

L’esponente di punta dei 5 Stelle romani, nel 2013 era il candidato sindaco alle elezioni vinte poi da Ignazio Marino. Al turno successivo, nel 2016, risultò secondo a Virginia Raggi alle primarie online e ha poi conquistato oltre 6mila preferenze come consigliere comunale.

De Vito è un pentastellato della prima ora ed è da sempre considerato vicino all’ala ortodossa di M5S, quella che fa capo a Roberta Lombardi, una sorta di spina del fianco politica per la prima cittadina Raggi. A candidato sindaco nel 2013 lo incoronano le comunarie e sempre le comunarie tre anni dopo lo fanno perdere a vantaggio di Virginia Raggi.

Nella tornata elettorale che lo vede alfiere dei pentastellati arriva terzo, dietro a Ignazio Marino e l’uscente Gianni Alemanno. Laureato in Giurisprudenza, 45 anni, con l’elezioni della Raggi diventa presidente dell’assemblea capitolina forte di quasi 6500 preferenze, risultando il più votato in consiglio.

De Vito,  in questi anni non ha risparmiato critiche alla sindaca. Nell’inchiesta sullo stadio quello di De Vito è il secondo arresto eccellente per il Campidoglio, dopo quello dell’avvocato Luca Lanzalone già presidente di Acea e superconsulente del comune.

Enrico Stefàno nuovo presidente dell’Assemblea Capitolina

Il pentastellato Enrico Stefàno, già vicepresidente dell’Assemblea Capitolina e presidente della commissione Trasporti, sarà il nuovo presidente del consiglio comunale di Roma al posto di Marcello De Vito. È questo a quanto si apprende l’intendimento della maggioranza a 5 Stelle in Campidoglio e della sindaca Virginia Raggi. La sua nomina dovrà essere formalizzata a breve.

De Vito intercettato. “Distribuiamoci i soldi”

“Va bene, ma distribuiamoceli questi”. Così Marcello De Vito in una intercettazione che fa riferimento ai soldi erogati dai costruttori Toti e Statuto alla società a lui riconducibile. Secondo l’intercettazione pubblicata dall’Ansa, De Vito parla con Mezzacapo che invita alla calma: “Adesso non mi far toccare niente, lasciali lì… quando tu finisci il mandato, … se vuoi non ci mettiamo altro sopra. La chiudiamo, la distribuiamo, liquidi e sparisce tutta la proprietà, non c’è più niente, però questo lo devi fa’ quando hai finito quella cosa”.

Fonte: Agenzia Vista /Alexander Jakhnagiev, Ansa